EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ucraina, chi dice no alla guerra: la stretta di Kiev contro i disertori

Soldati ucraini
Soldati ucraini Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dall'inizio dell'invasione russa Kiev ha arrestato 13.600 uomini mentre cercavano di lasciare il Paese. I disertori si sottraggono per motivi psicologici e per garantire sostegno economico alle famiglie

PUBBLICITÀ

C'è chi dice no alla guerra. Anche tra i giovani ucraini, nonostante le pressioni della società e la stretta delle autorità nei confronti dei disertori mentre il paese sta cercando di portare avanti - a fatica - una difficile controffensiva.

Sono numerosi i motivi che spingono le persone a sottrarsi alla leva. Ivan Ishchenko, 30 anni, è fuggito all'estero un mese dopo essersi arruolato come volontario per combattere gli invasori russi. Spiega di non aver retto psicologicamente: "All'inizio ho deciso di andare in guerra perché sono un patriota. Volevo combattere per un'Ucraina libera", spiega. "Ma quando ho visto la situazione, lo spargimento di sangue, mi sono reso conto di avere paura. Non ho tenuto psicologicamente".

Quando ho visto la situazione, lo spargimento di sangue mi sono reso conto di avere paura

Ma c'è anche chi ha disertato per non abbandonare la famiglia, come Bodgan Marynenko, 19 anni, fuggito in Polonia prima di compiere la maggiore età. Suo padre sta combattendo al fronte: "Ho deciso di partire ancora minorenne così che mi lasciassero andar via", racconta. "Se succedesse qualcosa a mio padre sarei l'unico in grado di sostenere mia madre e le mie sorelle. Intendo sostegno finanziario, ma anche morale".

Corruzione e arresti

Kiev afferma che 6.100 uomini sono stati catturati mentre cercavano di lasciare il Paese con documenti falsi per sottrarsi al fronte. Dall'inizio della guerra, le autorità hanno arrestato 13.600 persone che cercavano di attraversare il confine.

Il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha denunciato mercoledì quella che ha definito una corruzione sistematica nelle esenzioni mediche per chi evita il servizio militare, affermando che le tangenti stanno permettendo partenze di massa verso l'estero.

L'Ucraina ha fatto della lotta alla corruzione una priorità, mentre prosegue la controffensiva a 18 mesi dall'invasione della Russia. Lo sradicamento del fenomeno è anche un tassello chiave per l'ingresso del Paese nell'Unione europea.

Un fenomeno in aumento

Il Consiglio di sicurezza e difesa nazionale sta esaminando i dati sugli esoneri, la corruzione e le fughe all'estero dall'inizio dell'invasione del febbraio 2022. L'indagine sulle esenzioni mediche dubbie è ancora in corso.

"Ci sono esempi di regioni in cui il numero di esenzioni dal servizio militare dovute a decisioni della commissione medica è decuplicato dal febbraio dello scorso anno", ha detto il presidente ucraino VolodymyrZelensky in un discorso video. "È assolutamente chiaro che si tratta di decisioni corrotte".

È assolutamente chiaro che si tratta di decisioni corrotte

Zelensky ha affermato che secondo le indagini le tangenti per i falsi certificati di esonero valgono tra i 3mila e i 15mila dollari, aggiungendo che sarà necessaria un'indagine parallela per stabilire quante persone sono riuscite a fuggire all'estero grazie alle esenzioni della commissione medica: "Stiamo parlando di migliaia di persone".

Questo mese Zelensky ha licenziato tutti i capi dei centri regionali di reclutamento dell'esercito ucraino. Ha dichiarato che sono stati aperti più di cento procedimenti penali nell'ambito di un'ampia indagine avviata dopo lo scandalo dei furti in un ufficio di reclutamento nella regione meridionale di Odessa il mese scorso.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Fate come me, non ve ne pentirete": il pilota russo che avrebbe disertato con l'aiuto di Kiev

Repubblica ceca, l'originale iniziativa per mostrare gli effetti alimentari della guerra in Ucraina

Guerra in Ucraina: diecimila sfollati nella regione di Kharkiv