Grecia, gli agricoltori intensificano le proteste

Le proteste degli agricoltori a Salonicco, in Grecia
Le proteste degli agricoltori a Salonicco, in Grecia Diritti d'autore Giannis Papanikos/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Andrea Barolini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il governo greco ha annunciato una serie di misure per tentare di rispondere alle domande degli agricoltori, che tuttavia non demordono

PUBBLICITÀ

Centinaia di trattori hanno invaso la città di Salonicco, in Grecia, per protestare e chiedere misure immediate di aiuto al governo e all'Unione europea. Gli agricoltori si sono recati in particolare alla fiera annuale "Agrotica", ospitata dal secondo più grande centro urbano della nazione ellenica. Un grido d'allarme accorato: i lavoratori del settore agricolo affermano che la situazione è tale da spingerli ad abbandonare le loro aziende. 

Il primo ministro Mitsotakis ha annunciato una serie di misure per il settore agricolo

Il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha affermato, attraverso messaggi pubblicati sui social network, che i loro problemi devono essere affrontati. E ha in questo senso fatto riferimento a diverse iniziative del governo, comprese alcune che sono state annunciate venerdì 2 febbraio di fronte al Parlamento, a partire dall'aumento del salario minimo. 

Per quanto riguarda nello specifico la situazione degli agricoltori, Mitsotakis ha spiegato di comprendere le loro preoccupazioni: "Dal 2019 abbiamo ridotto le tasse e i costi delle polizze, fornito incentivi per un'ulteriore riduzione della tassazione nelle cooperative e attivato un rimborso dell'imposta speciale sul carburante per il 2022 e il 2023".

"Inoltre - ha aggiunto il capo del governo di Atene - abbiamo ridotto l'Iva sui mangimi, sui fertilizzanti e sui macchinari agricoli e abbiamo assorbito gli elevati aumenti dei prezzi dell'elettricità. Tutto ciò mentre il totale dei risarcimenti erogati dalla ELGA (l'ente che assicura gli agricoltori) dal 2019 ad oggi supera il miliardo di euro".

Manovre su tasse, polizze e energia. Ma gli agricoltori restano scontenti

La speranza dell'esecutivo greco è che le nuove misure possano evitare un'ulteriore escalation delle proteste, che già si sono tradotte in numerose mobilitazioni e blocchi stradali da parte degli agricoltori. In Parlamento, Mitsotakis ha spiegato che il rimborso dell'imposta speciale sul consumo di carburanti per l'anno in corso costerà 82 milioni di euro. E ha evocato anche un ulteriore sconto del 10% sull'elettricità erogata in aree rurali, da maggio a settembre, "ovvero nei mesi di maggior consumo".

Proprio sull'energia, è stata promessa dal governo una riduzione dei costi a medio termine di almeno il 30% rispetto ai prezzi attuali, a favore degli agricoltori che partecipano a realtà cooperative. Anche per questo, sarà lanciato un programma per l'installazione di pannelli fotovoltaici.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna, la protesta degli agricoltori si allarga a tutto il Paese

Stato di diritto: il Parlamento europeo accusa la Grecia

Anche in Grecia trattori in piazza: gli agricoltori chiedono un maggiore sostegno al reddito