EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Elezioni presidenziali in Finlandia: polemiche per presunte interferenze dei media

Una donna vota in un seggio elettorale durante le elezioni presidenziali a Helsinki, Finlandia, domenica 28 gennaio 2024.
Una donna vota in un seggio elettorale durante le elezioni presidenziali a Helsinki, Finlandia, domenica 28 gennaio 2024. Diritti d'autore Associated Press
Diritti d'autore Associated Press
Di David Mac Dougall
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Cittadini chiamati al voto in Finlandia. Dall'estrema destra accuse di presunte interferenze dei media nella campagna elettorale

PUBBLICITÀ

I cittadini finlandesi sono stati chiamati al voto domenica, 28 gennaio, per eleggere il tredicesimo presidente del Paese. In Finlandia è possibile votare in anticipo. In molti hanno già espresso la loro preferenza dall'inizio del mese: la commissione elettorale del Paese ha riferito che più di 1,8 milioni di persone, ovvero il 44% degli aventi diritto, hanno fatto la loro scelta prima del voto di domenica.

I due principali contendenti, Alex Stubb del partito di destra Coalizione Nazionale e il politico verde Pekka Haavisto, hanno entrambi una grande esperienza in politica estera, una qualifica importante per il ruolo che è in gran parte cerimoniale, ma mantiene una leadership costituzionale sugli affari esteri al di fuori dell'Unione europea. Il  titolare della carica è anche comandante in capo dell'esercito finlandese.

I sondaggi hanno dato Stubb e Haavisto a pochi punti percentuali di distanza l'uno dall'altro, fino allo 0,6%, e con nessuno dei due candidati che probabilmente otterrà più del 50% al primo turno, i primi due classificati andranno a votare al secondo turno a febbraio. "C'è sicuramente un senso di eccitazione", ha detto Haavisto, che ha fatto campagna elettorale nella regione della capitale prima del giorno delle elezioni.

Member of Greens Party, presidential candidate Pekka Haavisto, right, has a photo taken with Outi Vaajoensuu during campaigning in Helsinki, Finland on Dec. 16, 2023.
Member of Greens Party, presidential candidate Pekka Haavisto, right, has a photo taken with Outi Vaajoensuu during campaigning in Helsinki, Finland on Dec. 16, 2023.AP Photo

"Abbiamo girato molto il Paese e l'accoglienza è stata entusiasta. Sia le stazioni di servizio che i caffè e i club sono stati affollati di pubblico. I finlandesi comuni si stanno muovendo. Si prevede un'alta affluenza. Qualcosa bolle in pentola", ha dichiarato a Euronews.

La candidata socialdemocratica Jutta Urpilainen, commissario europeo della Finlandia, ha descritto l'atmosfera della campagna elettorale come "estremamente positiva".

"Negli ultimi due mesi ho visitato quasi sessanta città finlandesi e ho incontrato personalmente oltre cinquemila finlandesi. Questa settimana abbiamo finalmente iniziato a vedere alcune differenze tra i candidati, e questo ha davvero elettrizzato le elezioni", ha dichiarato a Euronews.

"Molti elettori non hanno ancora deciso e sono desiderosi di incontrare i candidati, fare domande e sapere in base a quali valori la Finlandia sarà guidata nei prossimi sei anni".

La campagna di Alex Stubb non ha risposto a una richiesta di commento.

Finns Party presidential candidate Jussi Halla-aho campaigns in Narinkkatori, Helsinki, Finland, Saturday, Jan. 27, 2024
Finns Party presidential candidate Jussi Halla-aho campaigns in Narinkkatori, Helsinki, Finland, Saturday, Jan. 27, 2024AP Photo

Accuse di "operazione di influenza ibrida" contro il candidato di estrema destra

Nonostante il periodo di campagna elettorale sia stato generalmente conviviale, i candidati che si sono dichiarati in anticipo sono apparsi insieme in decine di tavole rotonde, dibattiti e apparizioni sui media, negli ultimi giorni sono circolate sui social media accuse di imparzialità e persino di "operazione di influenza ibrida".

Alcuni sostenitori del Partito dei Finlandesi sostengono che ci sia uno sforzo coordinato per sminuire la popolarità del loro candidato, Jussi Halla-aho. Tra questi, secondo loro, l'emittente pubblica Yle avrebbe soppresso i sondaggi che dimostrerebbero che il candidato sta guadagnando consensi.

"Le emittenti statali non dovrebbero cercare di influenzare le elezioni. Yle è una minaccia per la democrazia", ha scritto un utente dei social media. "In Finlandia è in corso un'operazione ibrida di influenza elettorale, chiunque ne abbia parlato in passato è stato bollato come di estrema destra", ha scritto un altro utente. "Perché Yle sta facendo campagna contro il candidato alla presidenza Halla-aho", ha chiesto un account. "Yle pratica una sorta di influenza quasi impercettibile sull'opinione", ha detto un altro.

Euronews ha scoperto che molti degli account che hanno denunciato Yle si sono distinti per la condivisione di contenuti anti-immigrati e anti-musulmani e per l'amplificazione di messaggi di frange estremiste.

"Yle non fa campagne contro o a favore di nessuno", ha dichiarato all'inizio del mese l'amministratore delegato dell'emittente pubblica.

Dimitri Qvintus, funzionario del partito socialdemocratico ed ex portavoce di Sanna Marin, ha detto che le accuse della "leadership del partito finlandese secondo cui Yle stava nascondendo i sondaggi e 'influenzando le elezioni'" avrebbero dovuto essere affrontate rapidamente dal governo.

Il funzionario ha sollevato lo spettro della possibilità che i vertici del partito di estrema destra cerchino di mettere in dubbio il risultato delle elezioni se il loro candidato non dovesse passare al secondo turno. "Sarebbe perfettamente in linea con il nuovo libro dei giochi del Partito dei Finlandesi", ha aggiunto.

PUBBLICITÀ
Presidential candidate of Social Democrats (SDP) Jutta Urpilainen, former finance minister and European Commissioner, campaigns in Helsinki, Finland, Saturday Jan. 27, 2024
Presidential candidate of Social Democrats (SDP) Jutta Urpilainen, former finance minister and European Commissioner, campaigns in Helsinki, Finland, Saturday Jan. 27, 2024AP Photo

I candidati condannano le accuse

I candidati presidenziali di alcuni dei maggiori partiti politici finlandesi si sono affrettati a condannare le accuse. "Temo che la tendenza internazionale dei populisti di destra a mettere in discussione le elezioni per il proprio tornaconto stia arrivando anche in Finlandia", ha dichiarato Jutta Urpilainen.

"Questa è un'elezione presidenziale libera e corretta, e qualsiasi suggerimento contrario è un'accusa estremamente grave che dovrebbe essere supportata da prove concrete. Spero che tutti i candidati siano d'accordo su questo punto", ha dichiarato a Euronews.

"Nonostante le preoccupazioni, non ci sono stati segni di interferenze esterne", ha dichiarato Pekka Haavisto. "Stiamo facendo una campagna elettorale finlandese corretta. Non ho visto nulla di strano in termini di interferenze elettorali, a parte una pubblicità falsa a una fermata dell'autobus per me e Jussi Halla-aho", ha osservato.

La pubblicità falsa era fatta in modo da sembrare un vero manifesto elettorale, ma con **citazioni false attribuite ai candidati.**La campagna di Jussi Halla-aho non ha risposto a una richiesta di commento.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Europarlamento vota per proteggere la libertà dei media e limitare lo spionaggio dei giornalisti

40 gradi sotto zero. In Finlandia e Svezia le temperature più fredde dell'inverno

Mar Baltico: la revisione dei confini marittimi, "provocazione deliberata" del Cremlino