EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Vittime civili, bambini deportati, danni ambientali: la sporca guerra russa in Ucraina

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky Diritti d'autore Felipe Dana/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Felipe Dana/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Stefania De Michele
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Russia continua la sua guerra con missili e droni che produce vittime civili e danni all'ambiente. Il caso dei bimbi ucraini deportati dalla Russia

PUBBLICITÀ

Sale a cinque il bilancio delle vittime dell'attacco missilistico russo di lunedì. Almeno 45 i feriti. 

Quattro missili si sono abbattuti sulla città di Karkhiv, uccidendo una persona. Un altro civile è morto nell'attacco russo al centro commerciale e ad altri edifici residenziali nella città natale del presidente Volodymyr Zelenskyy, Kryvyi Rih, nel sud-est del Paese. 

Altre tre persone sono state uccise in un raid missilistico separato nella regione occidentale di Khmelnytsky, come ha reso noto il sindaco di Khmelnytskyi OleksandrSymchyshyn.

Ucraina, la linea del fronte non si muove

Il governatore della regione di Kherson, Oleksandr Prokudin, ha dichiarato che le truppe russe hanno effettuato 131 attacchi di artiglieria nella regione meridionale.

Mosca ha anche lanciato 51 missili balistici, 18 dei quali sono stati intercettati. Otto i droni russi distrutti dalla difesa aerea di Kiev.

L'esercito ucraino ha dichiarato che le forze russe hanno compiuto "sforzi infruttuosi per avanzare in diverse aree lungo la linea del fronte", tra cui intorno a Lyman nella regione di Kharkiv e nelle regioni di Donetsk e Zaporizhzhia.

Bomba sganciata per errore dai russi

Un aereo da guerra russo ha accidentalmente sganciato una bomba, una FAB-250 con testata ad alto esplosivo, sulla città ucraina occupata di Rubizhne. Nessuno è rimasto ferito. Lo ha riferito Leonid Pasechnik, il leader della regione ucraina occupata di Luhansk, insediato da Mosca.

Nel suo briefing quotidiano il ministero della Difesa russo ha detto di aver utilizzato missili a lungo raggio lanciati dal mare e dall'aria, compresi i missili ipersonici Kinzhal, per colpire quelle che ha definito "strutture del complesso militare-industriale dell'Ucraina".

I russi evacuano Belgorod

Il governatore della regione di Belgorod, Vyacheslav Gladkov, ha dichiarato che 300 persone sono state evacuate dalla città russa di Belgorod a causa degli attacchi ucraini.

Le forze russe hanno distrutto dieci razzi sopra la regione, in serata, e due droni nei cieli del territorio russo di confine di Bryansk.

I danni all'ambiente

Oltre 5mila tonnellate di anidride carbonica sono state emesse nell'aria a seguito degli attacchi missilistici di massa della Russia contro l'Ucraina il 29 dicembre e il 2 gennaio, secondo quanto dichiarato dal ministro della Protezione ambientale e delle risorse naturali dell'Ucraina, Ruslan Strilets.

La Russia ha lanciato quasi trecento missili e droni contro il Paese in quei due giorni a cavallo tra 2023 e anno nuovo, uccidendo e ferendo decine di civili; quello del 29 dicembre è stato il più grande attacco aereo contro l'Ucraina dall'inizio dell'invasione su larga scala della Russia.

I danni dell'inquinamento atmosferico, provocato dagli attacchi russi, possono essere stimati attorno ai 400mila dollari, ha detto Strilets durante una riunione dell'8 gennaio del Gruppo di lavoro internazionale sulle conseguenze ambientali della guerra.

"In questa guerra terribile, non provocata e molto brutale, la nostra gente, civili e militari, continua a morire e l'ambiente soffre. Tutti questi attacchi causano danni enormi", ha dichiarato Andriy Yermak, capo dell'Ufficio presidenziale e co-presidente del gruppo. "Ad esempio, dopo l'ultimo attacco, la qualità dell'aria a Kiev è peggiorata significativamente a causa dell'alta concentrazione di prodotti di combustione, sostanze chimiche e polveri".

Il danno ambientale totale causato dall'aggressione russa in Ucraina ammonta a più di 55,6 miliardi di euro (58,9 miliardi di dollari), secondo gli ultimi dati diffusi dalle autorità ucraine.

I bambini deportati

Secondo un’inchiesta del New York Times, dall’inizio della guerra sono oltre 19 mila i bambini ucraini deportati nella Federazione russa e nei territori sotto il controllo di Mosca. La diplomazia e le trattative, mediate anche dalle ong, hanno riportato a casa solo 387 di loro. 

Per l'Onu il trasferimento di bambini in Russia, che Putin ha giustificato come misura per allontanarli dai pericoli delle zone di guerra, “viola il diritto umanitario internazionale”.
Per la deportazione di minori Vladimir Putin è accusato di crimini di guerra dalla Corte penale internazionale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In Ucraina mille città senza elettricità, Kiev contrattacca con i droni: uccisa una donna in Russia

Accordo di cooperazione e difesa Kiev-Varsavia, Tusk: "Chi difende l'Ucraina difende sé stesso"

Attacco di droni ucraino a un deposito di munizioni russo, persone cosrette a evacuare