L'ex presidente polacco e Nobel per la Pace Walesa saluta la nomina a premier di Tusk

Alcuni cinema di Varsavia hanno mostrato i lavori del Parlamento per la nomina a premier di Donald Tusk
Alcuni cinema di Varsavia hanno mostrato i lavori del Parlamento per la nomina a premier di Donald Tusk Diritti d'autore Michal Dyjuk/AP
Di Gabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ex presidente polacco e Nobel per la Pace, Lech Walesa, saluta la nomina a premier di Donald Tusk. La Polonia tornerà sulla via che abbiamo scelto, ha detto. Walesa in Parlamento durante il voto indossava un maglione con la scritta "Costituzione"

PUBBLICITÀ

"Con Tuskla Polonia riprenderà  la via che noi tempo fa abbiamo scelto". Con queste parole Lech Walesa ha salutato lunedì in un'intervista a una televisione polacca la nomina a primo ministro di Donald Tusk.

Walesa, il primo presidente polacco democraticamente eletto dopo la caduta del comunismo, era presente alla seduta della Camera Bassa del parlamento che lunedì ha votato a favore della formazione di un'esecutivo da parte di Tusk.

L'ex leader del sindacato Solidarność e Nobel per la Pace, 80 anni, indossava un maglione con la scritta "Costituzione", un chiaro riferimento al governo uscente criticato per avere compresso diritti e libertà dei polacchi.

Un bellissimo frammento dell'incontro di oggi al Sejm (il Parlamento polacco)

Negli ultimi otto anni la Polonia è stata governata da una coalizione conservatrice e nazionalista, guidata dalpartito Diritto e giustizia (Pis) ora all'opposizione. 

Il premier uscente, Mateusz Morawiecki, a cui era stato affidato per primo l'incarico di un esecutivo sulla base dei risultati delle elezioni del 15 ottobre scorso, non ha ottenuto la fiducia in parlamento lunedì, con 266 voti contrari e 190 a favore.

Il voto di fiducia è stato proiettato in alcuni cinema di Varsavia davanti a centinaia di spettatori, a testimonianza di quanto fosse atteso da molti il cambiamento politico nel Paese.

"Alcune migliaia di persone si sono registrate per venire a vedere il discorso qui al cinema. Ma abbiamo solo due schermi a disposizione" ha dettoMichal Marszal, uno degli organizzatori dell'iniziativa.

Una nuova Polonia cambierà il blocco est dell'Ue?

Tusk è stato sostenuto da una maggioranza di centrosinistra, composta da Coalizione Civica e da Terza Via. Il nuovo primo ministro ha ringraziato Walesa per avergli indicato tanti anni fa quale "bella vocazione" potesse essere l'impegno politico.

Già premier dal 2007 al 2014  e presidente del Consiglio europeo dal 2014 al 2019, Tusk dovrà affrontare le sfide che attendono la Polonia a livello nazionale ed europeo, a partire dai rapporti di confine con l'Ucraina in guerra.

"Congratulazioni a Donald Tusk. La sua esperienza e il suo forte impegno per i valori europei saranno preziosi per forgiare un'Europa più forte" è stato il commento sul social X della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

Auguri di buon lavoro per una "Europa più unita all'insegna dei valori del Partito popolare europeo" sono arrivati sempre via social dal ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani.

A partire da martedì il nuovo primo ministro polacco dovrebbe presentare i ministri del nuovo governo e illustrare il programma

Giovedì e venerdì poi Tusk debutterà al Consiglio europeo che dovrebbe decidere, tra l'altro, sull'avvio dei negoziati con l'Ucraina per l'entrata nell'Unione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Camionisti esasperati, caos al confine tra Polonia e Ucraina: settimane per varcare la frontiera

Polonia: via libera dell'Ue, sbloccati 5 miliardi dei fondi di ripresa post pandemia

Portogallo: oltre 200mila elettori alle urne per il voto anticipato