Seppelliti senza un nome: il dramma dei migranti che guadano i fiumi della rotta balcanica

Migranti dormono accampati sulla rotta balcanica
Migranti dormono accampati sulla rotta balcanica Diritti d'autore Amel Emric/AP
Di Euronews Digital
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Impossibile dare un'identità alle vittime o fare una stima di quanti sono morti lungo il tragitto. I fiumi sono il principale ostacolo per i migranti che vogliono raggiungere il Nord Europa dalla rotta balcanica. In molti muoiono nel tentativo di attraversarli a nuoto o tra il gelo e le intemperie

PUBBLICITÀ

La maggior parte dei migranti morti mentre percorrevano la rotta balcanica perde la vita attraversando i fiumi. La Drina, tra Serbia e Bosnia-Erzegovina, è un fiume veloce e mortale. 

Vicino alla città di Loznica, sul lato serbo del confine, circondata da una fitta foresta, la Drina è un ostacolo impervio che i migranti devono attraversare per andare verso una vita migliore nel Nord Europa. Molti hanno perso la vita nel tentativo di guadare il fiume. 

"Il problema è che non sappiamo chi sia stato sepolto", racconta Milica Švabić, avvocato dell'Ong Clickaktiv, che spiega come "tutte le tombe sono marcate come sconosciute e viene indicato solo l'anno della morte. Quindi molto spesso non sappiamo chi è stato sepolto".

Non si conosce il numero esatto di migranti annegati nella Drina. Così come non si sa nemmeno quanti di loro siano morti e siano deceduti in Serbia, nonché in tutti i Paesi dei Balcani. Le istituzioni non tengono registri ufficiali. 

Il fiume Drina
Il fiume DrinaELVIS BARUKCIC/AFP or licensors

Impossibile fare una stima

Nel cimitero di Loznica spuntano 12 tumuli identici. L'unica fonte di informazioni è il database online 4D, gestito dagli attivisti. Qui si registrano le morti dei migranti sulla rotta balcanica ma è impossibile ottenere una stima precisa. 400 morti sono state registrate dal 2015

"Dormono lì, vanno al negozio la mattina, comprano le sigarette e tornano nel pomeriggio", racconta un agricoltore di Loznica che afferma che i migranti tentano di attraversare il fiume a nuoto.

"Posso immaginare quante persone muoiono e nessuno lo sa", dice Vojin Ivkov, un documentarista che racconta come durante i rigidi inverni è possibile che "quando i migranti camminano e quando attraversano quei fiumi possenti, se uno si addormenta da qualche parte gli proseguono. Rimane lì. Troveremo quei corpi nelle giungle intorno al confine tra dieci anni".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Agenti Frontex dispiegati al confine tra Finlandia e Russia fino a gennaio

Migranti "pilotati" da Mosca: confini chiusi in Finlandia ed Estonia, Lettonia e Norvegia ci pensano

Cala in modo drastico il numero dei migranti tra Slovacchia e Ungheria: tra maltempo e più controlli