Onu: "10 mila morti civili in Ucraina". Zelensky: "Vogliamo entrare nell'Ue"

Charles Michel, Volodymyr Zelensky, Maia Sandu. (Kiev,. 21.11.2023)
Charles Michel, Volodymyr Zelensky, Maia Sandu. (Kiev,. 21.11.2023) Diritti d'autore Efrem Lukatsky/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews World - Agenzie internazionali
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Zelensky ribadisce la necessità dell'Ucraina di entrare il prima possibile nell'Unione europea. Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, promette: "Ne parleremo nel vertice Ue di dicembre"

PUBBLICITÀ

Secondo l’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, oltre 10 mila civili sono stati uccisi in Ucraina dall'inizio dell'invasione da parte della Russia: era il 24 febbraio 2022.

Lo ha dichiarato la Missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite in Ucraina (Hrmmu).

Il bilancio si limita alle vittime civili, inclusi oltre 560 bambini, verificate dalle Nazioni Unite.  

Circa la metà delle morti stimate dall'Onu tra agosto e ottobre è avvenuta in località lontane dal fronte, a indicare come la guerra abbia portato morte e distruzione ovunque in Ucraina. 

"Nessun posto è completamente sicuro" ha dichiarato il capo della Hrmmu, Danielle Bell

Per il governo di Kiev la quota di civili nel bilancio delle vittime per lo stesso periodo sale addirittura all'86%

Gli osservatori ONU in Ucraina ritengono tuttavia che il numero di morti possa essere “significativamente più alto” di quanto stimato. Il complesso lavoro di verifica di quanto accaduto sul campo negli ultimi 21 mesi (636 giorni) di guerra prosegue.  

636 giorni di guerra.
636 giorni di guerra.Telegram/Volodymyr Zelensky

Zelensky "spinge" per l'Europa

Gli ultimi esponenti politici in ordine di tempo ad aver visitato Kiev sono stati il ​​presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e la presidente della Moldova, Maia Sandu.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che li ha accolti, ha sottolineato la continua dipendenza dell'Ucraina dal sostegno militare dei Paesi alleati.

Lo stesso Zelensky sta spingendo da mesi anche per un'accelerazione sulla richiesta di adesione dell'Ucraina all'Unione europea e attende indicazioni positive dal Consiglio europeo del 14-15 dicembre."Farò il possibile", ha promesso Michel. 

Durante la giornata di martedì 21 novembre, Zelensky ha ricevuto anche la visita del ministro della Difesa tedesco, Boris Pistorius, che ha ribadito l'appoggio politico e militare a Kiev. 

"Abbiamo un nuovo potente pacchetto di sostegno da parte della Germania: un miliardo e trecento milioni di euro.
Tra le altre cose include nuovi sistemi Iris-T e missili per la difesa aerea. Le nostre città e migliaia di vite saranno salvate dal terrore russo"
Volodymyr Zelensky
Presidente dell'Ucraina
Incontro Ucraina-Germania, con Zelensky e Pistorius.
Incontro Ucraina-Germania, con Zelensky e Pistorius.Telegram/Volodymyr Zelensky

Monito all'Europa

il 21 novembre, in Ucraina, si è celebrato il decimo anniversario delle proteste di Piazza Maidan, passate alla storia come parte della "Rivoluzione della Dignità" (conosciuta anche come "Rivoluzione arancione"), tra novembre 2013 e febbraio 2014, culminate con la fuga in Russia dell'allora presidente Viktor Janukovyč.

Mentre l'Ucraina commemorava la storica data e le persone che vi trovarono la morte, il presidente Zelensky ha ricordato all'Ue che migliaia di ucraini hanno perso e stanno perdendo la vita difendendo il loro diritto ad avere un futuro europeo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Secondo Orban l'Ucraina è lontana anni luce da una possibile adesione all'Ue

Battaglie per Adviivka e per il fiume Dnipro. Ma l'artiglieria per l'Ucraina ora finisce in Israele

Solo il 10% degli europei crede che l'Ucraina possa sconfiggere la Russia