Ricerche del Soccorso alpino per escursionista disperso

L'uomo, 40enne del Veronese, è partito da casa ieri mattina
L'uomo, 40enne del Veronese, è partito da casa ieri mattina
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRENTO, 02 NOV - Sono in corso da ieri pomeriggio le ricerche di un 40enne di Mozzecane (VR), D.F., non rientrato da un'escursione sul Corno d'Aquilio. L'uomo è partito ieri mattina alle 5.30, intenzionato a completare un giro ad anello e rientrare per mezzogiorno a casa. Alle 8.20 circa, l'ultimo contatto, quando ha inviato alla moglie la foto dalla cima del Corno d'Aquilio. In seguito non ha più risposto ai messaggi e il cellulare suonava libero senza risposta. Dopo che la sua auto è stata rinvenuta ancora parcheggiata in località Tommasi, verso le 16 la prefettura ha richiesto l'intervento del Soccorso alpino di Verona, attivando il protocollo di ricerca e allertando tutte le forze. I soccorritori hanno iniziato a perlustrare il percorso, che l'escursionista aveva indicato ad un amico, e le zone primarie ed è stato chiesto l'intervento del Soccorso Alpino Trentino, Stazioni di Ala e Vallagarina, per la perlustrazione del Sentiero 234 dei Contrabbandieri, degli itinerari limitrofi nel territorio di pertinenza e della zona del passo della Morte e dei Denti della Sega. Sceso il buio è arrivata la segnalazione di alcune persone che avevano visto una luce provenire sotto il punto dove si stava muovendo una squadra. Alcuni soccorritori si sono quindi calati con le corde lungo la parete, visionata anche dall'elicottero di Trentino emergenza, dotato di termocamera, ma non c'è stato alcun riscontro. Nella notte 3 cani molecolari hanno portato i conduttori nella stessa direzione, ovvero un canale che scende a sud sotto la croce di vetta del Corno d'Aquilio. Purtroppo per la presenza di nebbia persistente e le proibitive condizioni operative non è stato possibile scendere nella notte, stesso motivo per cui non si sono potuti utilizzare i droni dei Vigili del fuoco dotati del sistema Imsi Catcher e termocamera, arrivati attorno alle 2. Al momento due squadre del Soccorso alpino si stanno preparando per calarsi nel canale per bonificarlo. La pioggia sta aumentando di intensità e sono previsti consistenti peggioramenti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Evasione di massa ad Haiti: più di 3000 detenuti liberi, a Port-au-Prince è caos

Grecia, boom di video porno deepfake: spesso le vittime sono minorenni

La Cina tenta di negoziare colloqui tra Russia e Ucraina, Berlino accusa Mosca della fuga di notizie