EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La stanza segreta di Michelangelo: ecco perché Firenze ha deciso di aprirla

frame
frame Diritti d'autore Luigi Navarra/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Luigi Navarra/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di euronews con Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'iniziativa è sperimentale e dura fino al 30 marzo 2024, quando sarà fatta una valutazione su come proseguire

PUBBLICITÀ

Per la prima volta, a partire dal 15 novembre, su prenotazione, il museo delle Cappelle Medicee aprirà al pubblico la stanza segreta di Michelangelo e renderà visibili i disegni sulle pareti, che, secondo ipotesi, l'artista eseguì con bastoncini di legno carbonizzato e sanguigna. Immagini mai viste, se non da pochi esperti. 

La direttrice del museo, Paola D'Agostino, spiega che l'apertura al pubblico è frutto di "un lungo, costante e paziente lavoro che ha coinvolto diverse professionalità". 

La stanza era già stata aperta, ma in maniera intermittente e non regolata, alla fine degli anni '90. Adesso, per la prima volta, a quasi 50 anni dalla scoperta, sarà accessibile al pubblico in modo regolamentato, benché per piccoli gruppi. L'iniziativa è sperimentale e dura fino al 30 marzo 2024, quando sarà fatta una valutazione su come proseguire. Le necessità sono di proteggere i disegni e mantenere adeguate condizioni conservative, indispensabili a salvaguardare i preziosi manufatti. Nei prossimi mesi verrà condotto anche un monitoraggio con l'Opificio delle Pietre Dure. 

Scoperta nel 1975

La stanza venne scoperta nel 1975 quando Paolo Dal Poggetto, allora direttore del Museo delle Cappelle Medicee, incaricò il restauratore Sabino Giovannoni di fare dei saggi di pulitura in uno stretto corridoio sottostante l'abside della Sagrestia Nuova, in occasione di un sopralluogo preliminare per cercare uno spazio adeguato alla realizzazione di una nuova uscita del museo. La stanzetta era stata usata come deposito di carbonella fino al 1955 e poi rimase inutilizzata, chiusa e dimenticata per decenni, sotto una botola completamente coperta da mobili accatastati. È qui, durante dei saggi sulle pareti, che il restauratore si imbatté, sotto due strati di intonaco, in una serie di disegni murali di figura che l'allora direttore attribuì, per la maggior parte, a Michelangelo. Paola D'Agostino, direttrice del museo, oggi spiega che l'apertura al pubblico è frutto di "un lungo, costante e paziente lavoro che ha coinvolto diverse professionalità". 

Visita su prenotazione (fino a marzo)

La stanza segreta sarà accessibile esclusivamente su prenotazione, fino ad un massimo di quattro persone per volta, con il limite di 100 la settimana. La permanenza massima all'interno sarà di 15 minuti e non sarà accessibile ai disabili (per la scala stretta e angusta) e, per ragioni di sicurezza, ai minori di 10 anni. Il biglietto di ingresso avrà un costo di 20 euro oltre il biglietto di ingresso alle Cappelle Medicee.

 Da giugno a ottobre del 1530 Michelangelo Buonarroti (1475-1564) visse nascosto in una stanzetta di 10 metri per 3, situata sotto le Cappelle Medicee. Lo fece per sfuggire a papa Clemente VII, irato con lui perché aveva collaborato con il governo repubblicano durante il periodo in cui i Medici furono cacciati da Firenze.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Madonna in terracotta di Donatello: dall'anonimato delle strade di Firenze al Museo del Bargello

Scarabocchi d'autore in un ristorante londinese

Venezia: al via la Biennale segnata dalle guerre in Ucraina e Medio Oriente