EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Cristo Abissi, una squadra interforze per pulizia statua

Cabella, bronzo è sofferente e indebolito da correnti galvaniche
Cabella, bronzo è sofferente e indebolito da correnti galvaniche
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 12 SET - Con l'organizzazione e il coordinamento del servizio tecnico di archeologia subacquea della Soprintendenza archeologica per la città metropolitana di Genova e la provincia di La Spezia sono state portate a termine oggi le operazioni subacquee di manutenzione della statua bronzea sommersa del Cristo degli Abissi, simbolo di pace e della subacquea posto a -18 mt nella baia di san Fruttuoso di Camogli. I sommozzatori della Guardia di Finanza hanno avuto un ruolo di regia operativa, con la messa a disposizione della strumentazione necessaria. Con loro, alle operazioni sott'acqua e in superficie si sono alternati i sommozzatori dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri, il Cnes della Polizia, della Guardia Costiera e il Comsubin della Marina). Alta due metri e mezzo e dal peso di 260 chili, per la sua realizzazione furono raccolte e fuse dallo scultore Guido Galletti medaglie di Caduti donate da mamme e vedove, medaglie di atleti, parti di navi, eliche, campane e cannoni. La statua è un tributo alla memoria di tutte le vite perse in mare. La manutenzione del Cristo degli Abissi non è solo una questione estetica: gli organismi incrostanti di biofouling creano un biofilm batterico creando seri problemi di biodeterioramento. Ciò è aggravato dall'inserimento di calcestruzzo con tondini di ferro nella statua bronzea, nata cava: coi due diversi metalli a contatto nel mare si creano correnti galvaniche a detrimento del bronzo, gravemente rovinato nei suoi primi cinquant'anni da continue, aggressive e incontrollate ripassature coi denti delle spazzole di ferro da parte dei subacquei: "E' un bronzo sofferente - ha detto Alessandra Cabella, della Soprintendenza - perché aggredito e assottigliato per decenni da infiniti e indiscriminati colpi di spazzola metallica e, come se non bastasse, indebolito delle correnti galvaniche". Oltre alla peculiarità degli aspetti tecnici e all'unicità di un simile intervento conservativo, questo lavoro interforze sul Cristo degli Abissi racchiude in sé un valore culturale e un plusvalore simbolico, un patrimonio di devozione e di amore per il mare che accomuna ogni uomo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arabia Saudita: tutto pieno alla Mecca, come è cresciuto l'indotto economico intorno all'Hajj

A Mario Draghi il premio europeo Carlos V, "L'Europa non sia passiva se prosperità minacciata"

Le notizie del giorno | 14 giugno - Pomeridiane