EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Vertice Corea del Nord-Russia, sul tavolo armi e aiuti umanitari

Il presidente russo Vladimir Putin e il leader della Corea del Nord Kim Jong-un in una foto del 2019
Il presidente russo Vladimir Putin e il leader della Corea del Nord Kim Jong-un in una foto del 2019 Diritti d'autore Yuri Kadobnov/Pool Photo via AP, File
Diritti d'autore Yuri Kadobnov/Pool Photo via AP, File
Di Giulia Carbonaro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Mosca offrirà a Pyongyang gli aiuti umanitari di cui ha disperatamente bisogno in cambio di munizioni per proseguire la guerra in Ucraina

PUBBLICITÀ

Secondo i funzionari statunitensi, questo mese il leader nordcoreano Kim Jong-un si appresta a compiere una rara visita all'estero, in Russia, per incontrare l'alleato di lunga data Vladimir Putin e discutere di potenziali aiuti militari per la guerra in Ucraina. L'incontro tra i due capi di Stato autoritari dovrebbe rafforzare la cooperazione tra i due Paesi e aiutare entrambe le nazioni.

Da un lato, Putin ha bisogno di armi e munizioni che la Corea del Nord è in grado di produrre, secondo quanto indicato da Fyodor Tertitskiy, ricercatore presso l'università di Kookmin (Seul) ed esperto di storia e militare nordcoreana. D'altra parte, la Corea del Nord ha un disperato bisogno di cibo e di aiuti umanitari, perché il suo isolamento durante la pandemia ha causato una devastante carenza di materie primi alimentari nel Paese, ha aggiunto lo stessoTertitskiy.

Si prevede dunque che siano questi i temi principali sul tavolo di Putin e Kim Jong-un. Ma cosa significa questo per la guerra della Russia in Ucraina? Un accordo tra Corea del Nord e Russia può cambiare le cose sul campo di battaglia?

Nulla accadrà senza l'approvazione di Xi Jinping

Tertitskiy dubita che l'incontro tra i due abbia luogo - e, anche qualora avvenisse, che i due leader possano trovare un accordo significativo. "Non sono sicuro che si accorderanno su qualcosa", ha spiegato l'esperto a Euronews. Secondo il quale esiste un limite alla cooperazione tra Pyongyang e Mosca: un limite che porta il nome di Xi Jinping, presidente della Cina. "Non succederà nulla se Pechino non darà il via libera. Ma se ciò accadrà e si troverà un accordo, questo riguarderà la guerra in Ucraina", ha aggiunto.

Secondo Tertitskiy, "l'obiettivo della Corea del Nord sarà quello di ottenere almeno qualcosa dalla Russia, perché se si guarda al saldo commerciale effettivo del 2022 è stato pari a zero. La nazione asiatica ha attualmente un grande bisogno di assistenza di vario tipo, prima di tutto alimentare".

Negli ultimi 20 anni, la Russia ha seguito la guida della Cina sulla Corea del Nord, con Putin che ha appoggiato Xi Jinping nelle sue decisioni sulle sanzioni contro Pyongyang. Inoltre, la Corea del Nord non ha relazioni commerciali reali con la Russia e, nonostante il suo sostegno pubblico all'invasione dell'Ucraina e il riconoscimento dell'indipendenza della Crimea nel 2014, Pyongyang non ha tratto alcun beneficio economico dallo schierarsi con Mosca, osserva ancora Tertitskiy. Così, la Cina fornisce ancora la maggior parte degli scambi economici da cui la Corea del Nord dipende.

Cibo in cambio di armi

La coalizione trilaterale tra Corea del Nord, Cina e Russia contro l'Occidente (e la Corea del Sud) che Kim Jong-un potrebbe sognare non si è finora concretizzata, con Pechino e Mosca che mantengono stretti legami e Pyongyang che rimane ai margini. Un eventuale incontro con Putin questo mese potrebbe essere l'occasione per il leader supremo nordcoreano di ottenere una certa influenza su un alleato cruciale e, indirettamente, anche su Pechino.

Ciò di cui la Russia ha bisogno in cambio degli aiuti umanitari sono appunto gli equipaggiamenti militari utili per continuare la guerra in Ucraina. E la Corea del Nord può produrne in "quantità abbondanti", secondo Tertitskiy: "La Corea del Nord ha un'enorme industria militare. Hanno molte produzioni costanti. E l'artiglieria in particolare è molto importante per la Corea del Nord, quindi penso che probabilmente forniranno qualcosa direttamente alla Russia, soprattutto se si considera che Mosca sta utilizzando equipaggiamenti piuttosto obsoleti".

Ciò significa che l'artiglieria nordcoreana - la cui maggior parte è stata probabilmente concepita basandosi su vecchi progetti sovietici - potrebbe risultare particolarmente compatibile con i mezzi attualmente utilizzati dalla Russia (molti dei quali sono appunto vecchi strumenti risalenti all'Urss). L'esercito di Mosca potrebbe dunque evitare complessi lavori di adattamento e ricostituire le proprie scorte in breve. 

Tuttavia, secondo Tertitskiy anche un eventuale accordo tra le parti difficilmente cambierebbe in modo significativo il corso della guerra in Ucraina, perché la volontà della Corea del Nord di aiutare la Russia incentiverà l'Occidente a fare di più. Il risultato di ogni incremento degli sforzi bellici, d'altra parte, non può che rischiare, da una parte e dall'altra, di produrre un'escalation del conflitto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Corea del Nord lancia un missile balistico capace di "raggiungere tutto il territorio degli USA"

Nord Corea: tour "missilistico" e fotografico di Kim, nel giorno delle esercitazioni Usa-Sud Corea

Russia, via ministro Shoigu, nominato Belousov: Putin cambia la difesa durante offensiva in Ucraina