EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ceferin (presidente Uefa) dopo la morte del tifoso greco: "Combattiamo il cancro del calcio"

Ceferin e Mitsotakis. (Atene, 16.8.2023)
Ceferin e Mitsotakis. (Atene, 16.8.2023) Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews Greece - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Violenze nel calcio nel mirino dell'Uefa, dopo la morte di un tifoso greco ad Atene, negli scontri con gli ultras croati della Dinamo Zagabria. Incontro tra Ceferin, il primo ministro Mitsotákis e i proprietari dei quattro club più importanti di Grecia

PUBBLICITÀ

L'Uefa e la Grecia corrono ai ripari.

Lunedi 7 agosto un tifoso greco di 29 anni è stato accoltellato a morte, ad Atene, prima della partita AEK-Dinamo Zagabria, valida per i preliminari di Champions League di calcio.

In Grecia in occasione della finale di Supercoppa europea, il presidente dell'Uefa Aleksander Ceferin ha incontrato ad Atene il primo ministro greco Kyriakos Mitsotákis.

Parole forti, quelle pronunciate da Ceferin. 
"Il problema della violenza e degli hooligans non è solo greco, ma di tutto il Continente. Chiedo a tutti a livello europeo di contribuire a eliminare questo cancro. Questo è il cancro del calcio. E quelli non sono tifosi di calcio. Non chiamateli tifosi di calcio, perché non lo sono. Sono persone che usano il calcio per le loro idee idiote".

"Combattiamo contro il cancro del calcio".
Aleksander Ceferin
55 anni, sloveno, Presidente dell'Uefa

Alla presenza di Ceferin e Mitsotákis , si è tenuto un incontro con i proprietari delle quattro squadre di calcio più importanti di Grecia: Olympiakos, Panathinaikos, AEK e PAOK.

"Mi auguro sinceramente che non sia necessario che il governo attivi l'ultima punizione che abbiamo a nostra disposizione, che è l'esclusione temporanea delle squadre greche dalle competizioni europee per club di calcio", ha dichiarato il primo ministro greco Kyriakos Mitsotákis. 

"Sono sicuro che non dovremo arrivare a questo punto e credo che tutti si siano resi conto di quanto sia grave la situazione, ma anche di quanto sia determinato il governo ad affrontare questo male alla radice".

"Mi auguro che non si debba arrivare all'esclusione temporanea delle squadre greche dalle competizioni europee per club di calcio".
Kyriakos Mitsotákis
55 anni, Primo ministro greco, dal 2019

"Prigionieri di guerra"

Più di 100 persone, per lo più cittadini croati, sono state arrestate con l'accusa di omicidio e appartenenza a una banda criminale in seguito ai fatti di Atene del 7 agosto scorso, in cui ha perso la vita il tifoso greco.
Sono quasi tutti membri dei "Bad Blue Boys", gruppo ultrà della Dinamo Zagabria.

Il presidente croato Zoran Milanović ha accusato le autorità greche di trattare i tifosi arrestati come "prigionieri di guerra".

Dopo la vittoria dell'AEK 2-1 a Zagabria martedi sera, sabato è in programma il match di ritorno ad Atene.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia, tifoso dell'AEK Atene muore accoltellato in uno scontro con gli ultras della Dinamo Zagabria

Non c'è tregua per la Grecia: a Rodi, 9° giorno consecutivo di incendi

Elezioni in Grecia, trionfa il partito conservatore Nuova Democrazia