EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Pakistan, sciolto il Parlamento. Si profila un rinvio delle elezioni

screenshot of video
screenshot of video Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

“Il presidente ha sciolto l’assemblea nazionale su consiglio del primo ministro ai sensi dell’articolo 58-1 della Costituzione”, ha dichiarato l’ufficio del presidente Arif Alvi

PUBBLICITÀ

Sciolto il governo pakistano. Ad annunciarlo il presidente, in vista di elezioni che ora rischiano di essere rinviate al prossimo anno. Il primo ministro Sharif era salito al potere nell’aprile dello scorso anno dopo che una mozione di sfiducia aveva estromesso l’ex premier Imran Khan, condannato a tre anni di carcere la scorsa settimana.

Khan condannato a tre anni di reclusione per corruzione

Secondo i giudici, si sarebbe appropriato di doni ricevuti da dignitari stranieri quando era premier e dei proventi della loro presunta vendita. Si parla di oggetti che includono orologi preziosi e gioielli, per un valore di oltre mezzo milione di euro. Anche il Partito di Khan, il Movimento per la giustizia del Pakistan ha fatto quadrato attorno all'ex capo di governo.

Dopo la condanna a tre anni di reclusione, Khan, è stato trasferito dalla sua residenza a Lahore al carcere distrettuale di Attock, nella provincia del Punjab. In un primo momento le autorità hanno riferito che era stato trasferito al carcere Adyala di Rawalpindi.

Più di cento processi a carico dell'ex primo ministro

Khan, 70 anni, ex star della nazionale di cricket del Pakistan entrato in politica nel 1996, è diventato primo ministro nel 2018 ma è stato poi destituito con un voto di sfiducia nell'aprile dello scorso anno, in seguito a divergenze con il potente apparato militare del Paese. Da allora è stato coinvolto inoltre cento procedimenti giudiziari. Tutte, secondo il diretto interessato, figlie di motivazioni politiche.

Lo scioglimento anticipato dell’Assemblea può essere interpretato come una mossa di Sharif per prolungare lo svolgimento delle elezioni.

Secondo la Costituzione pakistana, le elezioni generali devono tenersi entro novanta giorni dallo scioglimento delle Camere. Tuttavia, negli ultimi giorni diversi membri del governo hanno sollevato dubbi sul rispetto di questa scadenza, dopo che lo scorso fine settimana è stato approvato il nuovo censimento del Pakistan, che implica una modifica dei collegi elettorali che potrebbe ritardare le elezioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pakistan: Asif Ali Zardari eletto 14° presidente, aveva ricoperto la carica dal 2008 al 2013

Pakistan, 14 ore di terrore in bilico sulla funivia spezzata: tutti salvi

L'Europa che voglio: democrazia diretta, cosa farei da europarlamentare