EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Polonia, carri armati al confine con la Bielorussia. Morawiecki: Wagner una minaccia

Carro armato polacco
Carro armato polacco Diritti d'autore WOJTEK RADWANSKI/AFP or licensors
Diritti d'autore WOJTEK RADWANSKI/AFP or licensors
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I carri armati polacchi al confine con la Bielorussia hanno suscitato l'Ira del Cremlino. L'arrivo di mille miliziani della Wagner a Misk preoccupa Varsavia, che considera necessario rinforzare il confine orientale della Nato

PUBBLICITÀ

I carri armati polacchi hanno scatenato l'ira del Cremlino. Varsavia ha deciso di rinforzare il confine con la Bielorussia, che nelle ultime settimane ha accolto centinaia miliziani della Wagner. Secondo il ministero della difesa polacco i mercenari starebbero conducendo esercitazioni militari congiunte insieme all'esercito di Minsk.

"L'addestramento o le esercitazioni congiunte dell'esercito bielorusso e del gruppo Wagner sono senza dubbio una provocazione", ha detto Zbigniew Hoffmann, segretario del Comitato per la sicurezza nazionale del governo di Varsavia. "Il comitato ha analizzato possibili minacce, come, ad esempio, il dispiegamento di unità del gruppo Wagner. Pertanto, il ministro della Difesa e il presidente del comitato, Mariusz Blaszczak, hanno deciso di spostare le nostre formazioni militari dall'ovest all'est della Polonia", ha aggiunto.

Per il Primo Ministro polacco Mateusz Morawiecki il gruppo mercenario rappresenta una minaccia: "Il gruppo appare semprepiù nutrito in Bielorussia. La loro presenza rappresenta una minaccia sempre più grave per la Polonia, e per il fianco orientale della Nato".

Giovedì il ministero della Difesa bielorusso ha riferito che i mercenari Wagner hanno iniziato ad addestrare truppe speciali di Minsk in un poligono militare vicino a Brest, non lontano dal confine con la Polonia.

L'ira di Putin

Tutte scuse secondo Vladimir Putin. Il presidente russo è intervenuto sulla vicenda ed è tornato ad accusare Varsavia di stare pianificando un'invasione dell'Ucraina per annettere parte dei suoi territori. Putin ha poi offerto garanzie all'alleato di ferro Alexandre Loukachenko. 

"Per quanto riguarda la Bielorussia, si tratta di un nostro alleato. Scatenare un'aggressione contro il suo territorio equivale a un'aggressione contro la Federazione Russa, e noi risponderemo con tutti i mezzi a nostra disposizione", ha affermato Putin.

La Polonia sostiene che almeno mille mercenari del Gruppo Wagner sono accampati a circa 80 chilometri da Minsk e sostiene che le infiltrazioni russe in Polonia si sono moltiplicate nelle ultime settimane.

Le rassicurazioni di Berlino

"Dove i partner polacchi hanno bisogno di sostegno, lo otterranno". Ha detto il ministro tedesco della Difesa, Boris Pistorius, in riferimento al cosiddetto confine orientale della Nato. I polacchi sono alleati "affidabili" e "noi siamo preparati", ha dichiarato secodo quanto riporta Tagesschau.

Pistorius ha parlato durante una conferenza stampa in Repubblica Ceca, in presenza della sua omologa, Jana Cernochova.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: diecimila sfollati nella regione di Kharkiv

Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione stabilizzata a Kharkiv", ma Mosca è avanzata di 10 km

Putin in Cina: Xi mi ha parlato della tregua olimpica in Ucraina sostenuta da Macron