EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Sparatoria ad Auckland alla vigilia dei Mondiali di calcio femminile

Agenti pattugliano l'hotel che ospita la nazionale norvegese dei Mondiali femminili
Agenti pattugliano l'hotel che ospita la nazionale norvegese dei Mondiali femminili Diritti d'autore Abbie Parr/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Abbie Parr/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews Agenzie:  ANSA
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un uomo ha ucciso a colpi di arma da fuoco due persone in un cantiere. Ancora sconosciuto il movente

PUBBLICITÀ

A pmeno di 24 ore dal fischio d'inizio dei Mondiali di calcio femminile, Auckland diventa protagonista della cronaca nera. Due persone sono state uccise e altre sei ferite in una sparatoria nella più grande città della Nuova Zelanda. 

L'incidente è avvenuto in un cantiere edile e anche l'assalitore è morto sulla scena. Non è ancora stato chiarito il movente della sparatoria, ma al momento l'ipotesi terrorismo sarebbe esclusa dalle autorità neozelandesi.

"L'aggressore era armato di un fucile a pompa", ha detto il Primo Ministro Chris Hipkins. "Si è mosso all'interno del cantiere, scaricando l'arma da fuoco man mano che procedeva. Una volta raggiunto il livello superiore dell'edificio, l'uomo si è chiuso in un ascensore. Sono stati sparati dei colpi e l'uomo è stato rintracciato poco dopo".

La sparatoria è avvenuta a pochi passi dall'hotel dove alloggia la nazionale norvegese, protagonista proprio quest'oggi della partita inaugurale contro le padrone di casa. Il premier ha aggiunto che "non c'è alcuna minaccia alla sicurezza nazionale" e che il torneo "si svolgerà come previsto".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gli USA bi-campioni battono il Vietnam

Sudan, almeno 104 morti nell'attacco delle Rsf al villaggio di Wad al-Noura

Frana in Papua Nuova Guinea, si cercano superstiti: almeno 670 morti e duemila sepolti dalle macerie