EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

48 ore di fuoco sopra Jenin. Israele si ritira

Image
Image Diritti d'autore AHMAD GHARABLI/AFP or licensors
Diritti d'autore AHMAD GHARABLI/AFP or licensors
Di Nial O'Reilly
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Almeno 13 i morti palestinesi. Anche un soldato di Tsahal fra le vittime

PUBBLICITÀ

Israele ha ritirato le truppe dalla Cisgiordania questo mercoledì, ma ha avvertito che la sua operazione militare più intensa nel territorio occupato in quasi due decenni non è stata una tantum. Tredici palestinesi e un soldato israeliano sono stati uccisi nei due giorni di raid.

I residenti del campo profughi di Jenin sono usciti dalle loro case per trovare vicoli fiancheggiati da cumuli di macerie ed auto bruciate. I negozianti e i bulldozer hanno iniziato a rimuovere i detriti. Migliaia di persone fuggite dai combattimenti iniziano a tornare.

L'esercito ha affermato di aver inflitto gravi danni ai gruppi militanti palestinesi nell'operazione che ha incluso una serie di attacchi aerei e centinaia di truppe di terra. Non è chiaro se ci saranno effetti duraturi dopo quasi un anno e mezzo di pesanti combattimenti in Cisgiordania.

Prima del ritiro, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di continuare ad effettuare operazioni simili se necessario.

"In questi momenti stiamo completando la missione e posso dire che la nostra  operazione a Jenin non è una tantum", ha detto durante una visita a una postazione militare alla periferia di Jenin. "Sradicheremo il terrorismo ovunque lo vediamo e lo colpiremo".

Il raid di Jenin è stata una delle più intense operazioni militari israeliane di sempre .

Le scene a Jenin, compresi i massicci bulldozer dell'esercito che attraversavano i vicoli del campo, erano simili a quelle della grande incursione israeliana del 2002, che durò otto giorni e divenne nota come la "battaglia di Jenin".

Entrambe le operazioni, a due decenni di distanza, avevano lo scopo di abbattere i gruppi militanti nel campo e scoraggiare e prevenire gli attacchi contro gli israeliani provenienti dal campo. 

Tuttavia, il ciclo continuo di raid dell'esercito e attacchi palestinesi ha sollevato nuove domande sulle tattiche di Israele. Il raid di questa settimana ha avuto un ampio sostegno in tutto lo spettro politico israeliano, ma alcuni critici in Israele hanno sostenuto che l'impatto sarà di breve durata.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas, il cui governo di autonomia amministra parti della Cisgiordania, ha criticato la violenza degli israeliani anche se non ha il controllo sulle roccafort di Hamas da cui potrebbero continuare a partire attacchi. 

Molti palestinesi vedono le azioni di rappresaglia dell'organizzazione integralista islamica come il risultato inevitabile di 56 anni di occupazione e dell'assenza di qualsiasi processo politico negoziale con Israele. Anche l'aumento della costruzione di insediamenti in Cisgiordania non aiuta a rassenrenare gli animi.

Funzionari sanitari palestinesi hanno affermato che 13 palestinesi sono stati uccisi a Jenin e oltre 140 sono rimasti feriti. 83 sono stati ricoverati in condizioni più o meno gravi. Il dottor Wissam Bakr, capo dell'ospedale di Jenin, ha detto che la maggior parte dei feriti è stata colpita alla testa e al petto, e che 20 hanno riportato ferite gravi.

L'esercito israeliano ha affermato di aver ucciso solo militanti, ma non ha fornito dettagli.

Riassumendo il raid, i militari hanno detto di aver confiscato migliaia di armi, materiali per fabbricare bombe e depositi di denaro. Le armi sono state trovate sia nei nascondigli dei militanti che nelle aree civili, in un caso sotto una moschea, hanno detto i militari.

Il ritiro è avvenuto poche ore dopo che un militante di Hamas ha condoto la sua auto contro dei passanti a un'affollata fermata dell'autobus di Tel Aviv e ha iniziato ad accoltellare le persone, ferendone otto, tra cui una donna incinta che avrebbe perso il suo bambino. L'aggressore è stato ucciso da un passante armato. Hamas ha detto che l'attacco è stato una vendetta per l'offensiva israeliana.

Sempre mercoledì i militanti della Striscia di Gaza governata da Hamas hanno lanciato cinque razzi contro Israele, che secondo Israele sono stati intercettati. I jet israeliani hanno colpito diversi siti a Gaza.

Oltre 140 palestinesi sono stati uccisi quest'anno in Cisgiordania e gli attacchi palestinesi contro israeliani hanno ucciso almeno 25 persone.

L'operazione prolungata ha sollevato avvertimenti da parte dei gruppi umanitari di una situazione in via di deterioramento.

PUBBLICITÀ

Medici Senza Frontiere ha accusato l'esercito di aver sparato gas lacrimogeni in un ospedale, di aver riempito di fumo il pronto soccorso e di aver costretto i pazienti urgenti a essere curati in una sala principale.

Arsenali scoperti dagli israeliani nel campo di Jenin

Il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite ha affermato che la portata dell'operazione "solleva una serie di seri problemi rispetto alle norme e agli standard internazionali sui diritti umani, tra cui ludicando la tutela e il rispetto del diritto alla vita”.

Kefah Ja'ayyasah, una residente del campo, ha detto che i soldati sono entrati con la forza nella sua casa e hanno rinchiuso la famiglia all'interno: "Hanno portato i giovani della mia famiglia al piano superiore e hanno lasciato donne e bambini intrappolati nell'appartamento al primo piano", ha detto, parlando prima del ritiro dell'esercito.

Ha affermato che i soldati non le avrebbero permesso di portare cibo ai bambini e ha impedito a una squadra di ambulanze di entrare in casa quando ha gridato aiuto, prima di consentire alla famiglia di passare in ospedale.

Israele ha conquistato la Cisgiordania, Gerusalemme est e la Striscia di Gaza nella guerra in Medio Oriente del 1967. I palestinesi rivendicano quei territori come parte di un loro stato indipendente.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tel Aviv, le proteste in piazza contro il governo

Israele blocca Al Jazeera: confiscati gli uffici dell'emittente panaraba

Gaza, Israele ritira parte dell'esercito: possibile tregua nella Striscia per fine Ramadan