EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Russia, Maria Moskaleva può restare in famiglia

Maria Moskaleva
Maria Moskaleva Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Di Debora Gandini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il suo disegno contro la guerra a scuola aveva suscitato forti polemiche fino alla condanna del padre Alexei Moskalev a due anni di carcere con l’accusa di aver di screditare l'esercito

PUBBLICITÀ

Il tribunale russo ha deciso che la studentessa Maria Moskaleva potrà stare con la sua famiglia. Il suo disegno contro la guerra a scuola aveva suscitato forti polemiche fino alla condanna del padre Alexei Moskalev a due anni di carcere con l’accusa di aver di screditare l'esercito.

Il padre e la figlia hanno ripetutamente criticato l'invasione russa dell'Ucraina su Internet e a scuola, richiamando l'attenzione sull'uccisione di civili. All’inizio delle indagini, l'adolescente era stata prelevata dal padre single e mandata in una specie di una struttura riabilitativa. Successivamente sono apparse informazioni contrastanti sulla possibilità affidare la ragazzina alla madre.

I funzionari avevano chiesto al tribunale di privare definitivamente la coppia dei loro diritti di genitori. Ora la causa è stata ritirata sostenendo che non ci sussistono condizioni preoccupanti circa l'educazione di Maria in famiglia.

Il gesto non era piaciuto alla Commissione per le questioni minorili nella regione di Tula che, avvertita dalla scuola di Masha, aveva aperto un fascicolo per limitare i diritti genitoriali del padre, così come anche quelli della madre che ha lasciato la famiglia quando Masha aveva tre anni e vive ora in un’altra città.

A denunciare la vicenda era stata OVD-Info, organizzazione per i diritti umani che sta seguendo il loro caso, citata dai media internazionali. Padre e figlia sono stati ripetutamente arrestati, interrogati e – nel caso di Alexey, questo il nome del genitore – picchiati dall’aprile dello scorso anno, quando Masha ha realizzato il disegno contro la guerra.

La lettera di Maria al padre

“Non arrenderti. Abbi fiducia, spera e ama perché come mi hanno detto, sono solo coloro che sanno avere fiducia, speranza e amore a vincere". Così Masha Moskaleva, 13 anni aveva scritto al padre, condannato a due anni di carcere per post contro la guerra, ma fuggito il giorno prima dagli arresti domiciliari.

"Voglio che tu non ti preoccupi. Io sto bene. Ti voglio molto bene e so che non hai alcuna colpa per nulla. Ti sosterrà sempre e qualunque cosa tu faccia va bene", ha aggiunto Masha – che verrà trasferita in un orfanotrofio dopo che quasi certamente sarà tolta la custodia al padre – nella lettera in cui disegna il simbolo della pace. "Tutto andrà bene e torneremo insieme". "Sappi che vinceremo, che la vittoria sarà nostra, indipendentemente da quello che accade, siamo insieme, siamo una squadra, sei il migliore. Sei forte, siamo forte, persevereremo. Sono orgogliosa di te. Non voglio scrivere di come sto, di che umore sono, non voglio darti pensieri ma capisco che la verità amara è meglio di una dolce bugia. Ma non preoccuparti, ci vedremo e ti dirò tutto".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Borsa di Mosca abbandona il dollaro e l'euro: la Russia risponde alle sanzioni Usa

Russia: espulso addetto militare ambasciata britannica, per Mosca è "persona non grata"

Russia: primo insediamento Putin dopo invasione Ucraina, presenti i rappresentanti di 6 Paesi Ue