Ucraina, indagine dei servizi sull'elicottero caduto

Access to the comments Commenti
Di euronews
frame
frame   -   Diritti d'autore  Daniel Cole/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Le autorità ucraine hanno aperto una inchiesta sull'incidente all'elicottero che trasportava il ministro dell'Interno Denys Monastyrskyi, precipitato per cause ancora sconosciute su un asilo alla periferia di Kyev causando almeno 14 morti, tra cui almeno un bambino.

Alle indagini partecipano anche i servizi di sicurezza nazionali, con il compito di accertare i motivi dello schianto, come ha detto in televisione lo stesso presidente ucraino.

"L'SBU ha avviato un'indagine penale su questo terribile evento. Ho incaricato il capo del Servizio di sicurezza di chiarire, con la collaborazione di tutte le autorità, tutte le circostanze del disastro. Inoltre sono state assunte tutte le decisioni necessarie per la gestione del ministero degli Interni. Abbiamo perso professionisti, patrioti e leader affidabili".

Gli investigatori hanno già cominciato a sentire i testimoni oculari dell'incidente, come questa donna:

"C'era molta nebbia, abbiamo sentito che il motore dell'elicottero non funzionava bene. Lo abbiamo visto volare sempre più in basso. Abbiamo subito chiuso le finestre e ci siamo nascosti nel corridoio. Poi si è sentito uno scoppio. Abbiamo guardato fuori e tutto era in fiamme".

Secondo quanto reso noto dalla presidenza ucraina, l'elicottero col ministro dell'Interno e il suo seguito era diretto verso una zona dove sono in corso dei combattimenti, volando a bassa quota come è di norma in queste circostanze, per evitare eventuali missili nemici.