Repubblica Ceca alle urne, probabile un ballottaggio

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Petr David Josek/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Cittadini cechi alle urne questa settimana, per scegliere un successore del presidente, Milos Zeman

PUBBLICITÀ

Cittadini cechi alle urne questa settimana, per scegliere un successore del presidente, Milos Zeman.

Se, come previsto, nessuno dei candidati raggiungerà la maggioranza assoluta, sarà necessario un ballottaggio il 27 e 28 gennaio.

Secondo i sondaggi, il miliardario ed ex primo ministro Andrej Babiš vincerebbe il primo turno con il 28,6% dei voti: quest'ultimo, unitamente alla sua ex consigliera, Jana Nagyová, è stato assolto solo pochi giorni fa dalle accuse di frode.

Petr David Josek/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
AP PhotoPetr David Josek/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Il giudice, Jan Šott, ha assicurato che non ci sono state "pressioni esterne": Babiš, a causa del processo, ha dovuto limitarsi a pochi incontri con gli elettori.

L'altro favorito, l'ex generale Petr Pavel, è stato invece in grado di condurre una campagna a tutti gli effetti: i sondaggi prevedono che quest'ultimo otterrà circa il 27,8% dei voti.

Al terzo posto ci sarebbe, stando sempre ai pareri dei sondaggisti, l'economista Danuše Nerudová, con il 24,6% delle preferenze.

Si vota anche in auto

In anticipo rispetto al primo turno elettorale, le persone in isolamento a causa del coronavirus possono già votare, utilizzando i seggi elettorali in modalità 'drive-in', per votare dalle proprie automobili.

Debbono avere un certificato medico o una prova di isolamento imposto, ma possono anche produrre l'esito di un tampone positivo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Repubblica Ceca: Praga festeggia Pavel

Repubblica Ceca, l'ex premier Andrej Babiš a processo per corruzione

Gruppo di Visegrád: a Praga riunione dei ministri degli Esteri, divisi su invio armi all'Ucraina