EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Il Natale dei russi emigrati in Serbia

Sono circa 300mila i russi emigrati in Serbia dall'inizio della guerra in Ucraina
Sono circa 300mila i russi emigrati in Serbia dall'inizio della guerra in Ucraina Diritti d'autore AMEL EMRIC/AP
Diritti d'autore AMEL EMRIC/AP
Di Andrea Barolini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I russi emigrati in Serbia si apprestano a festeggiare il natale, che nel calendario giuliano cade il 7 gennaio

PUBBLICITÀ

Circa 300mila russi sono emigrati in Serbia dall'inizio della guerra in Ucraina, secondo le autorità doganali della nazione europea, e si apprestano a celebrare il tradizionale Natale del calendario giuliano, che cade il 7 gennaio.

Biglietti aerei spesso troppo cari per il Natale in famiglia

"Sarà qualcosa di nuovo chiaramente - spiega Yulia Slavina, cittadina russa emigrata a Belgrado -. Ma abbiamo a disposizione le tecnologie che ci aiuteranno per poter parlare con i nostri cari, con le nostre famiglie. Ciò nonostante, è ovviamente triste essere così lontani dalle persone a cui vogliamo bene. D'altra parte, è la realtà di chi emigra, sfortunatamente".

In molti casi, i biglietti aerei sono risultati troppo cari per immaginare di passare la festività in famiglia, per cui ci si accontenterà degli amici. Solo chi ha familiari che vivono in Paesi europei potrà riunirsi più facilmente. Qualcosa tuttavia mancherà comunque.

Il caldo insolito per chi è abituato all'inverno russo

"La cosa più insolita per me è che non ci sia neve e che faccia così caldo. A San Pietroburgo in questo momento ci sono 10 gradi sotto zero", spiega Ekaterina Kunickata, emigrata anche lei in Serbia.

I russi si sono tuttavia abituati al clima mite dell'Europa sud-orientale e possono approfittare dell'atmosfera festosa di Belgrado. Che dicono di trovare simile a quella delle città russe. A partire dalle decorazioni e dal profumo del vin brulé.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Caldo anomalo in Europa: il 2023 inizia con temperature troppo elevate

Pace, clima, migranti: gli obiettivi dell'Europa nel 2023

Georgia, mercati degli agricoltori presi d'assalto dai russi