EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Caldo anomalo in Europa: il 2023 inizia con temperature troppo elevate

Piste sciistiche asciutte in Bosnia, gennaio 2023.
Piste sciistiche asciutte in Bosnia, gennaio 2023. Diritti d'autore Eurovision
Diritti d'autore Eurovision
Di Ilaria Federico
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L’inverno europeo non è mai stato così caldo. In diversi Paesi europei il Capodanno 2023 è stata la giornata più calda mai registrata nel mese di gennaio

PUBBLICITÀ

In diversi Paesi europei il Capodanno 2023 è stata la giornata più calda mai registrata nel mese di gennaio, con temperature fino a venti gradi superiori alla norma. Una massa di aria calda mobile proveniente dal continente africano si è spostata verso l'Europa occidentale e centrale.

Serbia

Zlatibor, nella Serbia occidentale, è una località sciistica solitamente molto frequentata. Ma i turisti venuti per sciare resteranno delusi. In tutto il Paese, infatti, le temperature sono troppo elevate. Il 30 e il 31 dicembre e il 1° gennaio il termometro è arrivato fino a 18 gradi a Belgrado, una temperatura mai registrata prima durante l'inverno.

Bosnia

La Bosnia-Erzegovina ha ospitato i Giochi olimpici invernali nel 1984. Oggi invece le piste da sci sono asciutte. Le temperature eccezionalmente elevate hanno spinto le autorità a considerare la possibilità di dichiarare lo stato di emergenza naturale.

In una stazione sciistica sulla montagna Vlašić, nel centro della Bosnia, i turisti preparano l'attrezzatura da sci... Ma sul terreno nessuna traccia di neve. "Sarebbe stato meglio se ci fosse stata la neve", spiega Erik Stemberger, che ha raggiunto Vlašić dalla Slovenia per celebrare Capodanno.

I proprietari degli hotel sono in difficoltà. "In questo momento dovremmo accogliere gli sciatori sulla nostra montagna, ma non abbiamo neve, quindi non c'è dubbio che la nostra attività è a rischio", dichiara Dino Korugic, direttore del Sunce Hotel di Vlašić. 

Austria

Le temperature massime oggi erano di 12 gradi nel sud dell'Austria. Queste temperature calde hanno un impatto negativo sulla natura, l'agricoltura e la salute umana. 

"Questi cambiamenti influenzano il nostro metabolismo ormonale, causando disturbi come emicranie, problemi cardiovascolari, disturbi del sonno e stanchezza", spiega il dottore Andrea Dungl-Zauner.

In una foresta nel sud dell'Austria, gli alberi stanno già germogliando. La natura si adatta alle alte temperature, con il rischio che la flora e la fauna si trovino indifese nel caso di un gelo tardivo.

"È importante che faccia freddo in inverno, per la sopravvivenza di alcuni parassiti invernali indispensabili per l'ecosistema e affinché gli alberi non siano disturbati nella loro fase di riposo", spiega il direttore dell'Istituto di scienze forestali dell'Università delle risorse naturali di Vienna, Hubert Hasenauer.

L’inverno europeo non è mai stato così caldo. Ma secondo gli esperti, questo tepore non durerà. Sono previste, infatti, correnti di aria gelida artica a partire dall'8 gennaio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Surriscaldamento in Europa, per i parigini c'è un maggiore rischio di morte per le alte temperature

Il Natale dei russi emigrati in Serbia

Caldo infernale in mezza Europa. Temperature record e emergenza siccità