USA: almeno 50 morti a cause della tempesta

Neve a Buffalo
Neve a Buffalo Diritti d'autore Bridget Haslinger/AP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sono almeno 50 le vittime della tempesta negli USA orientali. Trasporti bloccati e decine di migliaia di persone senza elettricità sotto due metri di neve

PUBBLICITÀ

Sono almeno 50 i morti nei territori orientali degli Stati Uniti, di cui oltre la metà nello Stato di New York, colpiti da una tempesta artica che da diversi giorni sta causando abbondanti nevicate, ghiaccio sulle strade e un freddo glaciale che ha fermato anche gran parte dei trasporti. 

Situazione di crisi in particolare a Buffalo, nella parte occidentale dello stato di New York, dove un fulmine ha lasciato diverse zone al buio e al freddo, e i tecnici non riescono a intervenire a causa della neve alta due metri e mezzo.

Ma in tutta la regione sono oltre 200.000 le persone rimaste senza elettricità.

Più di 1.700 voli cancellati domenica, in aggiunta ai 3.500 di sabato e ai 6.000 di venerdì.

La governatrice di New York Kathy Hochul parla di "situazione di guerra":

"Siamo in una guerra - ha detto - siamo in guerra con Madre Natura. Lei ci ha colpiti con tutto quello che ha da giovedì sera, e poi venerdì, sabato, e adessa nella mattinata di Natale. E tutto questo sarà ricordato come la più devastante delle tempeste nella lunga storia di Buffalo, che ne ha già affrontato molte, molte altre".

Un'immagine insolita nella Florida meridionale: iguane che cadono congelate dagli alberi. In molti casi, se lasciati sul terreno, questi animali sopravvivono scongelandosi quando risalgono le temperature. Una metafora degli Stati Uniti forse, ora che la tempesta sembra volersi allontanare.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I pipistrelli tra le vittime della tempesta artica negli Stati Uniti

Stati Uniti, Buffalo: la vita dopo la bufera

La tempesta di Buffalo: "Restate a casa"