EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Judo: Jerusalem Masters, la strenna natalizia arriva da Alice Bellandi

Screengrab
Screengrab Diritti d'autore from Euronews video
Diritti d'autore from Euronews video
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Terza ed ultima giornata in terra israeliana contrassegnata dall'insperato quanto meritatissimo oro conquistato dalla judoka azzurra

PUBBLICITÀ

Masters di judo a Gerusalemme, terza ed ultima giornata in terra israeliana contrassegnata dall'insperato quanto meritatissimo oro conquistato dalla judoka azzurra Alice BELLANDI.

Nella categoria donne -78 kg: la 24enne italiana svetta su tutte, dopo il successo nella finalissima ai danni della transalpina TCHEUMEO.

Si tratta della prima donna della storia del judo italiano a vincere una medaglia d’oro al Masters.

Terzo gradino del podio per l'olandese STEENHUIS e la brasiliana AGUIAR.

Consegna le medaglie Lisa Allan, membro del Comitato esecutivo della Federazione.

"Israele è sempre incredibile - afferma raggiante la vincitrice - festeggiano con me, come se fossero i miei genitori, è davvero molto bello".

Tra gli uomini -90 kg, su tutti il nipponico MURAO, che sconfigge nell’atto conclusivo per waza-ari il transalpino MATHIEU.

Bronzo per il georgiano MAISURADZE ed il brasiliano MACEDO.

Le medaglie sono consegnate da Armen Bagdasarov, capo degli arbitri della Federazione.

Categoria uomini -100 kg: a sbaragliare la concorrenza ci pensa il georgiano SULAMANIDZE, giustiziere in finale dell'olandese CATHARINA al golden score.

Terza piazza per l'idolo di casa PALTCHIK e l'azero KOTSOIEV.

A consegnare le medaglie è Hili Tropper, ministro della Cultura e dello Sport israeliano.

Derby di Oltr'Alpe tra le donne +78 kg: su tutte la francese DICKO, la quale sconfigge per waza-ari la connazionale HAYME, argento.

Bronzo per l'israeliana HERSHKO e la nipponica SONE.

A consegnare le medaglie è Shabtai Tsur, presidente dell'ISBB.

Per chiudere, categoria uomini +100 kg: qui si registra il meritato successo del nipponico SAITO, giustiziere in finale del tagiko RAKHIMOV con tecnica osakeomi.

Terza piazza per il giapponese KAGEURA e l'uzbeco YUSUPOV.

Consegna le medaglie Florin Daniel Lascau, direttore degli arbitri della Federazione.

PUBBLICITÀ

"Mia madre si prende sempre cura di me e mi sostiene molto - dice il vincitore - sono così felice e contento di averle dato il primo premio, la medaglia d'oro".

Il famoso astronauta Eytan Stibbe è stato premiato dalla Israel Judo Association e dal suo presidente Moshe Ponte, di rientro dallo spazio con la bandiera dell'associazione judo.

La passione dei tifosi locali è pari solo agli atleti per cui tifano: nella circostanza, l'israeliano Peter PALTCHIK, bronzo, è stato il loro idolo, facendo scattare l'arena in piedi in più occasioni, senza dimenticare l'altro beniamino Raz HERSHKO.

Tre giorni intensi a Gerusalemme che hanno ribadito, in prossimità del Natale, lo strapotere nipponico anche in terra d'Israele, con una buona figura dei judoka di casa e la ciliegina fornita dalla 24enne azzurra.

Arrivederci col judo al prossimo anno!

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Judo: Paris Grand Slam, un oro per l’Ucraina

Judo, Grand Prix Portugal: Patrícia Sampaio superstar, Sud-Corea prima nel medagliere

World Judo Masters: euforia a Gerusalemme per la prima giornata sul tatami