EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Londra: Alta Corte, "legittimo" l'invio dei migranti in Ruanda

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Kirsty Wigglesworth/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Kirsty Wigglesworth/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Oltre 40mila persone quest'anno hanno attraversato la Manica per raggiungere la costa britannica

PUBBLICITÀ

L'Alta Corte di Londra ha dichiarato "legittimo" il controverso piano del governo britannico di deportare in Ruanda i richiedenti asilo arrivati illegalmente nel Regno Unito.

"La Corte ha concluso che è lecito che le loro richieste siano prese in considerazione in Ruanda e non nel Regno Unito", recita uno stralcio della sentenza, secondo la quale le disposizioni non contravvengono alla Convenzione sui rifugiati.

Lo scorso aprile, il governo di Boris Johnson aveva raggiunto un accordo con i vertici della capitale ruandese Kigali per deportare i richiedenti asilo arrivati illegalmente sul suolo britannico.

Sul caso è intervenuto anche l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, secondo cui in Ruanda mancano "le componenti minime di un sistema di asilo affidabile".

Kirsty Wigglesworth/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
AP PhotoKirsty Wigglesworth/Copyright 2022 The AP. All rights reserved

Dall'inizio dell'anno, sono arrivati sulle coste inglesi circa 45mila rifugiati, rispetto ai 28.526 del 2021.

Le associazioni umanitarie avevano fatto causa al governo britannico, ottenendo la sospensione dei primi voli previsti.

Il prossimo gennaio, l'Alta Corte si pronuncerà sulle modalità di ricorso alla Corte Suprema, preannunciato dalle associazioni umanitarie.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La "chiatta carceraria": simbolo del disegno di legge anti-immigrazione del governo britannico

Regno Unito, annuncio a sorpresa di Sunak: elezioni anticipate il 4 luglio

Il tribunale di Londra ha deciso: Assange può appellarsi contro l'estradizione negli Stati Uniti