Protesta in musica: centinaia di persone contro il decreto anti-rave

Manifestazione rave
Manifestazione rave Diritti d'autore EV- screenshot
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

No ai rave party? In centinaia in piazza per protestare contro il decreto che proibisce i mega-raduni musicali su terreni altrui

PUBBLICITÀ

Il confine tra protesta e rave è labile: centinaia di giovani hanno deciso di manifestare così, in musica, contro il decreto che punisce con il carcere da 3 a 6 anni chi organizza mega-raduni musicali su terreni altrui.
Da Torino a Roma, passando per Bologna centinaia di persone si sono date appuntamento tramite i social per un vero e proprio party già fuori legge.

Il decreto anti-rave rubrica la fattispecie di reato quale "invasione di terreni o edifici con pericolo per la salute pubblica o l’incolumità pubblica". 

Per i manifestanti la normativa è l'anticamera di una repressione subdola, che comincia dalla musica per investire le diverse manifestazioni della libertà di espressione.

Oggi è toccato ai rave - dicono - ma domani darà la volta di chi occupa le scuole, le università, le fabbriche,a chi sceglie di scendere in strada.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti, Matteo Salvini a Palermo per il caso Open Arms: "Orgoglioso di quello che ho fatto"

No alla legge di bilancio, sciopero generale in Italia: a Roma adesione alta, sindacati soddisfatti

Lampedusa: il tormento e la memoria delle 368 vittime