EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Mariupol in ricostruzione vista dal satellite

Mariupol vista dal satellite
Mariupol vista dal satellite Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Grandi differenze fra le immagini satellitari della città ucraina di Mariupol scattate a marzo e a novembre. Gli edifici in rovina stanno per essere demoliti e grandi cataste di materiali da costruzione attendono di essere adoperate

PUBBLICITÀ

Le immagini satellitari della città di Mariupol, ubicata nell'oblast' di Donec'k, scattate nel marzo e nel novembre di quest'anno evidenziano i cambiamenti avvenuti dopo la conquista dei russi. Un nuovo complesso militare russo è stato eretto nell'area urbana centro-settentrionale. Il cimitero principale (Starokrymske), sul lato occidentale della città, è stato molto ampliato per ospitare un numero crescente di tombe.

Le ferite dell'urbano

L'urbano aveva scontato profonde distruzioni. Gli edifici in rovina sono in fase di demolizione e grandi cataste di materiale da costruzione sono visibili vicino ai centri commerciali nella parte occidentale di Mariupol ma non solo. La città, che era stata difesa anche dal famigerato Reggimento Azov, è stata prima circondata e poi attaccata dalle truppe dell'esercito russo e dalle milizie della Repubblica Popolare di Doneck fino alla resa. La società di tecnologia satellitare Maxar, che ha raccolto queste immagini, ha dichiarato: “Migliaia di case, appartamenti,  edifici e le infrastrutture rimangono in rovina in gran parte dell'area. Tra le attività più evidenti c'è un grande schermo protettivo posto attorno al teatro Mariupol, che è stato il luogo degli attacchi russi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'assedio dell'Azovstal, raccontato da chi c'era

Processo pubblico ai combattenti di Mariupol. Per Zelensky "affronto finale"

Rapporto di Amnesty sul bombardamento di Mariupol