EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ucraina, caccia ai droni iraniani a Mykolaiv

Distruzione in Ucraina.
Distruzione in Ucraina. Diritti d'autore AP Photo/Roman Hrytsyna, File
Diritti d'autore AP Photo/Roman Hrytsyna, File
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I droni forniti da Teheran a Mosca sono tanto rudimentali quanto pericolosi.

PUBBLICITÀ

Gli attacchi russi in Ucraina arrivano spesso dal cielo, e ora vengono anche dai droni iraniani, che colpiscono i loro obbiettivi soprattutto di notte.

Secondo Olexandr Krivobog, artificiere a Mykolaiv, nell'Ucraina meridionale, questi nuovi ordigni hanno iniziato ad attaccare la sua città nel mese di settembre. Si tratta di congegni poco sofisticati, ma con una grande capacità di distruzione.

"Si tratta di armi termobariche che generano esplosioni ad alta temperatura. Anche se il drone in se non causa danni gravi, c'è una forte probabilità che sia l'esplosione a devastare i dintorni", spiega Olexandr Krivobog.

Centinaia di piccoli congegni inesplosi

Anche se Mosca continua a negare di avere acquistato droni dall'Iran, fonti diplomatiche a Teheran confermano la compravendita di armi tra i due Paesi per quanto riguarda questi droni tanto rudimentali quanto pericolosi.

Si tratta infatti di una tecnologia capace di lanciare centinaia di piccole bombe che rimangono al suolo, inesplose. Alcune possono esplodere ore o addirittura giorni dopo. Secondo Olexandr Krivobog, "ci vorranno anni, decenni, forse addirittura secoli per rimettere in sicurezza tutto il territorio".

Ci vorranno anni, decenni, forse addirittura secoli per rimettere in sicurezza tutto il territorio.
Olexandr Krivobog
Artificiere a Mykolaiv

 Le forze russe in ritirata lasciano sul campo centinaia di ordini inesplosi che continueranno a rappresentare un pericolo anche dopo la loro partenza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, il cancelliere Scholz chiede un piano Marshall per la ricostruzione

Russia-Ucraina: corto circuito di accuse e black-out elettrici

Biden chiude il summit Nato tra sostegno a Kiev e gaffe: confonde Zelensky con Putin