Ucraina, proseguono gli attacchi di Mosca. Controffensiva di Kiev nella regione di Kherson

Access to the comments Commenti
Di Oleksandra Vakulina  & Debora Gandini
Mappa dell'Ucraina
Mappa dell'Ucraina   -   Diritti d'autore  euronews

Secondo il Ministero dell'Energia di Kiev, centinaia di migliaia di ucraini in più di 1000 insediamenti in tutto il paese non avevano più accesso a nulla dopo gli attacchi della Russia alle infrastrutture cruciali.

Per la Commissione europea questi raid sono "atti di puro terrore" che equivalgono a crimini di guerra. Il capo dell'amministrazione militare di Kryvyi Rih, Oleksandr Vilkul, ha affermato che Mosca ha lanciato la notte di razzi su una struttura energetica, provocando "gravissimi danni".

Le forze ucraine hanno abbattuto 13 droni su Mykolaiv, secondo il governatore della regione, Vitaliy Kim. Attaccata anche Zaporizhzhia, con la Russia che ha laciato missili su"infrastrutture critiche" in un villaggio, secondo il governatore regionale, Oleksandr Starukh. Un’altra infrastruttura energetica è stata colpita nella regione di Vinnytsya.

L’Istituto per gli Studi della guerra ha affermato che le forze russe hanno diretto dozzine di droni di fabbricazione iraniana contro obiettivi civili in Ucraina da metà settembre. Obiettivo creare terrore psicologico e panico sui civili ucraini piuttosto che ottenere effetti tangibili sul campo di battaglia.

Intanto le truppe russe hanno condotto un attacco di terra limitato nella regione settentrionale di Kharkiv, un fatto che fa pensare apparentemente che le forze russe potrebbero mantenere aspirazioni territoriali in quest'area nonostante le massicce perdite durante le recenti controffensive ucraine.

Fonti russe hanno affermato che le forze ucraine hanno continuato le operazioni di controffensiva sull'intera linea del fronte nella regione di Kherson, prendendo di mira le linee di comunicazione di terra russe e i depositi di munizioni nella regione centrale di Kherson.

Mosca però non cede e cerca di far fronte alla ridotta capacità logistica attraverso la Crimea a seguito dell'attacco al ponte sullo stretto di Kerch.