Ucraina: ritorno a Irpin, nella casa distrutta

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Ucraina, ritorno a Irpin
Ucraina, ritorno a Irpin   -  Diritti d'autore  Euronews

Quando li abbiamo incontrati la prima volta, nel 2019, durante le elezioni presidenziali in Ucraina, Anastasia e Roman Akulenko non potevano immaginare che, tre anni e mezzo dopo, avrebbero dovuto nascondersi con le loro due figlie e fuggire dal loro appartamento di Irpin per salvarsi la vita.

Nei primi giorni dell'invasione russa questo sobborgo di Kiev è stato duramente colpito. In un primo momento la famiglia si è trasferita in campagna, in un’altra regione. Poi Anastasia e le due figlie sono andate in Polonia. La famiglia si è riunita di nuovo in Ucraina alla fine dell'estate, ma le ragazze non hanno mai visto cosa è successo alla loro casa. Per i loro genitori, tornarci significa ricordare i giorni più difficili della loro vita.

Anastasia Akulenko, imprenditrice di Irpin: "È stato molto spaventoso. Mio marito era sul balcone e gli aerei da guerra gli sono passati appena sopra la testa. Pensava che i razzi fossero stati lanciati verso di noi e urlato 'per terra', siamo caduti tutti e poi ci siamo nascosti in bagno, è lì che ci siamo vestiti e siamo andati nella cantina sotterranea. Da allora, le bambine non hanno più voluto alzarsi. Siamo stati tutta la notte nella cantina e l’indomani, appena passato il coprifuoco, ci siamo messi in viaggio”.

Alcune settimane dopo, tutti i condomini del loro palazzo, tranne tre persone, sono stati evacuati da volontari in una missione molto rischiosa. In un primo momento la famiglia non ha avuto notizie della propria casa, poi informazioni contrastanti. Hanno visto il video di due appartamenti, sotto al loro, distrutti da un missile e hanno temuto il peggio. L’appartamento, con i suoi mobili, è stato danneggiato dalle elevate temperature, dalla cenere e dalla ruggine. La buona notizia è che c'è la possibilità di ristrutturarlo. La coppia cerca di vedere in questa situazione un'opportunità per migliorarne alcuni aspetti.

"La temperatura era così alta che qui al quinto piano la struttura metallica che sosteneva gli scaffali, la TV al muro, il monitor del computer, i vestiti sintetici si sono tutti sciolti - spiega Anastasia -. Abbiamo già dei progetti. Ripareremo gli errori commessi in passato, le cose scomode, per esempio la posizione delle prese di corrente. La cosa più importante è che la guerra finisca. E poi tutto andrà meglio.

"Sì, non vediamo l'ora...", concorda Roman.

Anche il tetto del palazzo è gravemente danneggiato. Con l'aiuto di politici locali, enti di beneficenza e organizzazioni di volontariato, è stato ricoperto con un leggero telo protettivo per resistere alla stagione fredda e umida.

Lo scorso inverno ha cambiato per sempre la vita di questa famiglia. Un altro inverno arriverà presto e gli Akulenko sperano che porti all'Ucraina la vittoria, la sicurezza e la possibilità di voltare pagina.