This content is not available in your region

Putin: "Annullo l'assalto all'acciaieria Azovstal". Mariupol è sotto il controllo russo

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Incontro al Cremlino tra Vladimir Putin e il ministro della Difesa, Sergei Shoigu. (21.4.2022)
Incontro al Cremlino tra Vladimir Putin e il ministro della Difesa, Sergei Shoigu. (21.4.2022)   -   Diritti d'autore  AP/Russian Presidential Press Service

"Non deve passare nemmeno una mosca"

L'Acciaieria Azovstal, a Mariupol, nell'est dell'Ucraina, resiste, con all'interno circa 2.000 militari ucraini.
Ma l'assedio delle forze russe continua, anche se - a sorpresa - dal Cremlino arriva l'ordine di annullare l'operazione.
Ma quello di Putin non è certamente un passo indietro.

"Considero inopportuno l'assalto alla zona industriale e ne ordino l'annullamento.
Questo è il caso in cui dobbiamo pensare a preservare la vita e la salute dei nostri soldati e ufficiali.
Non c'è bisogno di arrampicarsi in quelle catacombe e strisciare sottoterra attraverso quelle strutture industriali.
Bisogna bloccare questa zona industriale, in modo che da lì non esca nemmeno una mosca".
Vladimir Putin
69 anni, presidente della Federazione Russa
Mikhail Klimentyev/Sputnik
Putin in videoconferenza: fa il punto della situazione in Ucraina. (20.4.2022)Mikhail Klimentyev/Sputnik

**Una città fantasma: "Mariupol è sotto il controllo russo"

**

Mariupol è una città fantasma, distrutta dai bombardamenti russi e prossima alla capitolazione.
Le truppe ucraine, asserragliate nell'acciaieria Azovstal, insieme a un gruppo di civili, rifiutano l'ultimatum delle forze russe.

"Il resto della città è sotto il controllo russo", annuncia il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, in un incontro al Cremlino proprio con Putin.
Il presidente commenta semplicemente così: "Un successo".

A Mariupol, però, l'evacuazione è fallita: il numero delle persone che sono riuscite ad allontanarsi dalla città è inferiore alle 6.000 previste, secondo il governatore di Donetsk.
L'Ucraina si dice disponibile a un ''round speciale di negoziati'' con la Russia per la riapertura dei corridoi umanitari.

"Ora nell'acciaieria ci sono 500 soldati feriti e 1.000 civili: serve un corridoio per salvarli, oggi!"
Iryna Vereshcuk
Vice-premier Ucraina

A Mariupol, gli ucraini hanno minato alcune infrastrutture e anche delle imbarcazioni straniere ormeggiate nel porto. Lo ha detto il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu nel colloquio con Putin, secondo quanto riporta l'agenzia russa Interfax.

"I principali complessi infrastrutturali cittadini, incluso il porto e i canali di navigazione, sono stati minati. Non solo sono stati minati, ma sono anche stati bloccati da gru per imbarcazioni", ha detto Shoigu. "Le imbarcazioni che si trovavano là erano per lo più straniere", ha aggiunto.

Zelensky e l'adesione all'Ue

Sul fronte istituzionale, dopo l'incontro con il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, il presidente VolodymyrZelensky ha detto che l'Ucraina può sviluppare "la massima velocità" nell'adesione all'Unione europea, e che è "cautamente ottimista".

"Sono molto contento di dire, con cauto ottimismo, che i nostri partner hanno iniziato a capire meglio le nostre esigenze. Capire di cosa abbiamo esattamente bisogno. E quando ne abbiamo bisogno. Non in settimane, non in un mese, ma immediatamente. Proprio ora, mentre la Russia sta cercando di intensificare i suoi attacchi", ha spiegato Zelensky.

Appoggio canadese

"Le democrazie del mondo non rimarranno indifferenti alla continua aggressione e ai crimini di guerra della Russia", ha scritto sul suo account Twitter la ministra delle Finanze canadese, Chrystia Freeland, che - insieme agli omologhi di Stati Uniti, Regno Unito e Francia - ha abbandonato la sala del G20 a Washington quando i delegati russi hanno preso la parola.