This content is not available in your region

Elezioni in Ungheria: il peso sul voto dell'invasione russa in Ucraina

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Elezioni in Ungheria: il peso sul voto dell'invasione russa in Ucraina
Diritti d'autore  euronews

L'invasione russa dell'Ucraina ha segnato l'inizio di una nuova fase anche nella politica ungherese. Il 24 febbraio, primo giorno dell'invasione, la campagna elettorale era iniziata da neanche due settimane: in un attimo, molti dei temi su cui i partiti ungheresi avevano impostato la loro campagna elettorale hanno perso rilevanza, costringendoli a rivedere i loro piani. Per il Fidesz, il partito al governo, l'Ungheria deve rimanere fuori dal conflitto a tutti i costi.

"Non abbiamo nulla da guadagnare in questa guerra, ma solo da perdere. Dobbiamo restarne fuori - ha detto il premier Victor Orbán durante un comizio -. Nessun ungherese dovrebbe essere preso tra l'incudine ucraina e il martello russo".  Un obiettivo che Orbán sta cercando di raggiungere votando a favore delle sanzioni europee, ma evitando critiche dirette al presidente russo Vladimir Putin e rifiutandosi di far passare dall'Ungheria le armi destinate all'Ucraina.

Questa posizione ambivalente è stata criticata dal partito al governo in Polonia, considerato un suo alleato. Anche Zelenskyy ha esortato Orbán a prendere una posizione più netta, invitandolo a ricordare le vittime dell'Olocausto a Budapest. L'opposizione ha organizzato diverse manifestazione contro l'invasione russa. Alcuni politici hanno sottolineato come Orbásia il più stretto alleato di Vladimir Putin all'interno dell'Unione euroepa e, di conseguenza, non sia adatto a guidare il paese.

Fidesz ha accusato l'opposizione di voler trascinare l'Ungheria in guerra dopo che Péter Márki-Zay, candidato premier di una coalizione di sei partiti, ha sostenuto che avrebbe adempiuto agli obblighi del paese come membro della Nato, incluso l'invio di truppe. "L'Ungheria ha già partecipato a missioni simili in Afghanistan, Medio Oriente, Africa e così via - ha detto Márki-Zay -. Lo stesso Orban ha proposto alla Nato di partecipare a varie missioni all'estero. Non possiamo escludere che una cosa del genere accada prima o poi anche con l'Ucraina".

Il tono aggressivo di Orbán è stato una caratteristica della comunicazione del governo ungherese negli ultimi anni. Se il premier si è mostrato cauto sulla guerra in Ucraina, ha ritrovato il vecchio slancio nei confronti dell'opposizione ungherese. "Li combatteremo il 3 aprile - ha detto il premier durante la campagna elettorale -.  Vinceremo la battaglia più importante della nostra vita! Daremo loro quello che si meritano e difenderemo l'Ungheria".

L'interrogativo principale è quanto siano grandi le divergenze all'interno di Fidesz sull'operato della Russia, paese con cui Orbán ha costruito in oltre dieci anni una solida alleanza.