This content is not available in your region

Putin allo stadio di Mosca elogia i suoi soldati

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Putin allo stadio di Mosca elogia i suoi soldati
Diritti d'autore  Alexander Vilf/Sputnik

Più di 200.000 russi hanno sostenuto l'"operazione militare speciale" in Ucraina durante un evento patriottico tenutosi allo stadio Olimpico Luzhniki di Mosca.

"Sono gli abitanti della Crimea che hanno fatto la scelta giusta, si sono opposti al nazionalismo e al nazismo, che continua ad esserci nel Donbass, con operazioni punitive verso quella popolazione. Sono stati loro le vittime di attacchi aerei ed è questo che noi chiamiamo genocidio. Evitarlo è l'obiettivo della nostra operazione militare in Ucraina": ha tuonato il presidente russo Vladimir Putin nel suo intervento per l'ottavo anniversario dell'annessione della Crimea.

Gli slogan del palco

"Per un mondo senza nazismo!", "Per il presidente!" e "Per la Russia!", indicavano gli slogan che si potevano leggere sul palco che ha incluso le esibizioni di cantanti popolari vicini al Cremlino. Decine di migliaia di persone non hanno potuto entrare nello stadio che contiene un massimo di 80 mila spettatori ed hanno dovuto seguire il discorso nelle vicinanze.

Il fedelissimo sindaco di Mosca

"Grazie ai ragazzi che con le armi in mano difendono i cittadini russi nel Donbas", ha detto Sergei Sobyanin, sindaco di Mosca. Sobianin, uno dei più stretti collaboratori del Cremlino, chiamato a sostenere il presidente russo Vladimir Putin, che il 24 febbraio ha annunciato l'operazione militare contro l'Ucraina. "Metà del mondo si è unito contro di noi, ma la Russia è un paese forte. Forte per i suoi cittadini, per i suoi patrioti", ha detto. Molti dei presentatori, cantanti e partecipanti hanno indossato il nastro a forma di Z di San Giorgio, che è diventato un simbolo dell'intervento militare in Ucraina. I russi di solito indossano il nastro di San Giorgio il 9 maggio, il giorno della vittoria sulla Germania nazista nella seconda guerra mondiale.

L'evento ha coinciso con l'ottavo anniversario dell'annessione della penisola ucraina della Crimea, motivo per cui la televisione pubblica si è collegata ai leader della Crimea nel porto di Sebastopoli.