This content is not available in your region

Ucraina: il tentativo del "Formato Normandia" e il No ufficiale di Washington a Putin

Access to the comments Commenti
Di Galina Polonskaya  & Edizione italiana: Cristiano Tassinari
euronews_icons_loading
I diplomatici ucraini sembrano più fiduciosi di quelli russi.
I diplomatici ucraini sembrano più fiduciosi di quelli russi.   -   Diritti d'autore  Screengrab by AP video

I diplomatici di Russia e Ucraina, mercoledì, si sono incontrati faccia a faccia, a Parigi, nel tentativo di trovare una soluzione negoziata sulla crisi al confine ucraino.

Il vertice ha avuto lo scopo di tentare di far rivivere il Protocollodi Minsk del 2015.

Yermak: "C'è la volontà di ridurre le differenze"

Dopo otto ore di colloqui, l'inviato dell'Ucraina, AndrIy Yermak, si è mostrato ottimista.
"Le parti hanno dichiarato apertamente e sinceramente che ci sono differenze nella loro interpretazione e nell'esecuzione dell'accordo di Minsk tra Russia e Ucraina, ma c'è la volontà di continuare a lavorare per ridurre queste differenze".

Screengrab
AndrIy Yermak, il rappresentante diplomatico dell'Ucraina.Screengrab

Ma il negaziatore russo, Dmitry Kozak, vice-capo di Stato Maggiore, ha usato toni decisamente piu cauti sulle trattative mediate da Francia e Germania, che - insieme a Russia e Ucraina - formano i cosiddetti "Quattro della Normandia", un gruppo di negoziazione definito altresì "Formato Normandia", risalente all'epoca della guerra nel Donbass (2014).

Screengrab
Il negoziatore russo Dmitry Kozak (a sinistra).Screengrab

Kozak: "Il Formato Normandia, per ora, piò fare poco"

"Siamo tutti d'accordo che fino a quando rimarranno diverse interpretazioni sull'accordo di Minsk e la sua attuazione, il Formato Normandia non sarà in grado di svolgere un ruolo significativo nel contribuire alla risoluzione del conflitto in Ucraina orientale", ha dichiarato Kozak.

Tra due settimane a Berlino

Galina Polonskaya, corrispondente di Euronews, ha seguito i colloqui.
"I colloqui del Formato Normandia tra i consiglieri politici di Ucraina, Russia, Francia e Germania a Parigi sono durati più di otto ore. La dichiarazione finale riafferma che gli accordi di Minsk sono la base di questi colloqui e sottolinea il sostegno al rispetto del cessate il fuoco nell'est dell'Ucraina. Tutte le parti si sono impegnate a ridurre gli attuali disaccordi e sono disposte a incontrarsi di nuovo tra due settimane a Berlino".

Euronews
L'esperta di politica russa Galina Polonskaya.Euronews

Usa: no ufficiale a Putin. Lavrov: "Non è la risposta che ci aspettavamo"

Intanto, a Mosca, l'Ambasciatore americano John Sullivan ha consegnato a Vladimir Putin la lettera con il rifiuto ufficiale degli Stati Uniti alle richieste del Cremlino.
Washington sostiene, infatti, il diritto dell'Ucraina di aspirare all'adesione alla Nato.

"Non è la risposta che ci ha aspettavamo", ha commentato Sergey Lavrov, ministro degli Esteri russo.
La Russia aveva chiesto alla Casa Bianca di mettere il proprio veto ad un'eventuale futura richiesta di ingresso dell'Ucraina nella Nato. Ma Biden non ne vuole assolutamente sapere.

E, intanto, nella vicenda-Ucraina, fa capolino persino la Cina: Pechino garantisce il proprio appoggio a Mosca.

Infine, tra i temi carichi di tensione tra Russia e Unione europea (la Germania, in particolare), si aggiunge quello del gasdotto Nord Stream 2...

Risorse addizionali per questo articolo • TRADUZIONE, DOPPIAGGIO, WEB: CRISTIANO TASSINARI