This content is not available in your region

Kazakhstan, interviene l'alleanza militare con la Russia

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Kazakhstan, interviene l'alleanza militare con la Russia
Diritti d'autore  RU-RTR Russian Television vía AP

Il governo kazakho conferma la presenza di almeno 2500 unità militari dell'OTSC, l'alleanza militare tra la Russia e altri cinque paesi ex sovietici. Una forza che non verrà impiegata per reprimere le manifestazioni di protesta, ma per garantire la sicurezza delle sedi istituzionali.

Dopo l'esplicita indicazione di "sparare per uccidere" rivolta dal presidente Tokayev ai responsabili dell'ordine pubblico, il governo statunitense ha disposto l'evacuazione del personale consolare "non essenziale". E tuttavia Anthony Blinken, segretario di Stato Usa, commenta la crisi con un atteggiamento ispirato alla prudenza:

"Condanniamo la violenza, da chiunque venga commessa, compresa la violenza diretta alle istituzioni dello Stato e del governo. Dato che è in causa anche il Trattato di sicurezza collettiva, l'OTSC, ci stiamo ponendo domande sulla natura della richiesta, sul perché sia stata avanzata. Stiamo cercando di saperne di più".

Rispondendo a una domanda ha poi aggiunto: "Quello che sta succedendo in Kazakhstan è diverso da ciò che accade ai confini dell'Ucraina. Detto questo, penso che una lezione della storia recente è che una volta che i russi sono arrivati in casa tua, può essere molto difficile farli andare via".

Sul terreno, intanto, non si fermano le proteste, scatenate dall'aumento del prezzo del gas: i manifestanti hanno dato alle fiamme diversi edifici statali e continuano anche le violente azioni delle forze di sicurezza. Dal 2 gennaio si contano diverse decine di morti, tra manifestanti e agenti uccisi, e oltre mille feriti.