EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La miglior prof del mondo insegna Inglese ai poveri e il miglior studente è un inventore

Keishia Thorpe, vincitrice del Global Teachers' Prize 2021
Keishia Thorpe, vincitrice del Global Teachers' Prize 2021 Diritti d'autore Global Teachers' Prize / Varkey Foundation - International High School Langley Park, Bladensburg, Maryland
Diritti d'autore Global Teachers' Prize / Varkey Foundation - International High School Langley Park, Bladensburg, Maryland
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Global Teachers' Prize è stato accompagnato per la prima volta quest'anno da un premio agli studenti: Keishia Thorpe (USA) e Jeremiah Thoronka (Sierra Leone) i due vincitori, scelti tra migliaia di candidati con storie appassionanti

PUBBLICITÀ

È la statunitense Keishia Thorpe la miglior insegnante del mondo secondo la giuria del Global Teachers Prize, un premio da un milione di dollari, in collaborazione tra Unesco e Varkey Foundation.

È nella sede parigina della branca culturale delle Nazioni Unite che si è tenuta la cerimonia nel corso della quale Isabelle Huppert ha annunciato il nome dell'insegnante, scelta tra oltre 8.000 candidati da 121 Paesi. Keishia Thorpe ha assistito migliaia di studenti poveri, principalmente figli di immigrati e rifugiati, che grazie a lei hanno potuto ottenere borse di studio universitarie. Ed il suo lavoro da insegnante d'Inglese nel Maryland ha consentito ai suoi studenti e al suo istituto di vedere una crescita del rendimento scolastico superiore al 40%.

E sempre nella sede dell'UNESCO, per la prima volta quest'anno, è andata in scena anche la premiazione della controparte: il miglior studente. Un premio in questo caso da 100.000 dollari, è il Chegg.org Global Student Prize, ed è andato a Jeremiah Thoronka, della Sierra Leone, che a 17 anni, da studente in Ruanda, pensò di aiutare a studiare i compagni poveri, privi di energia elettrica, e inventò un dispositivo per trasformare in elettricità l'energia cinetica delle auto che passano sulla strada e il calpestio dei pedoni.

Con l'assegno appena vinto conta di incrementare l'attività e fornire energia a 100.000 persone. In Sierra Leone solo il 26% della popolazione ha accesso all'elettricità.

Due i finalisti europei: la francese Juline Rault tra gli insegnanti e l'italiano Mirko Cazzato, fondatore dell'associazione anti-bullismo MaBasta, tra gli studenti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Venezia: al via la Biennale segnata dalle guerre in Ucraina e Medio Oriente

Scoperto a Pompei un salone con affreschi sulla guerra di Troia

Romania, la dimora di re Carlo III riapre al pubblico come spazio culturale: al centro l'ambiente