L'asse di ferro Mosca-Minsk

L'asse di ferro Mosca-Minsk
Diritti d'autore Alexei Nikolsky/Sputnik
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo i colloqui Putin Lukashenko Russia e Bielorussia approvano un protocollo di 28 capitoli che colloca lo stato bielorusso ancor di più sotto la tutela di Mosca

PUBBLICITÀ

La Russia ha annunciato l'approvazione della crescente integrazione con la Bielorussia all'indomani dell'incontro fra il presidente Vladimir Putin e il suo omologo bielorusso Alexander Lukashenko. Sarebbero 28 i capitolo concordati e approvati da Mosca. L'integrazione politica tanto voluta dalla Russia non si concretizza anche se il vassallaggio di Minsk adesso è certificato in moltissimi ambiti primo fra tutti quello militare.

Sotto la sfera di Mosca

"La Bielorussia viene assorbita sempre di più nella sfera del controllo geopolitico della Russia - ci spiega l'analista bielorusso Valery Karbalevitch -  Questo è di fondamentale importanza per la Russia di oggi, soprattutto sullo sfondo degli eventi registrati in Bielorussia l'anno scorso. Tale attaccamento istituzionale mediante meccanismi economici e unificazione della politica e della legislazione macroeconomica significherebbe che la Bielorussia resterebbe nella sfera di influenza della Russia anche in caso  di cambiamento del potere a Minsk".

Una preziosa posizione geopolitica

Posizionata fra l'Ucraina e le repubbliche baltiche la Bielorussia è ormai vitale per Mosca che si sente assediata dall'occidente. L'integrazione soprattutto in campo militare è una realtà mentre resta da escludere una cessione di sovranità bielorussa a Mosca.

Le probabili divergenze

"Sono sicuro che ci saranno molte divergenze, controversie e discussioni nell'ambito dell'attuazione dei programmi. Nelle relazioni bielorusso-russe, i documenti firmati e implementati mostrano delle contraddizioni: entrambe le parti stanno cercando di implementare solo ciò che è redditizio e ciò che non conviene tentano di sabotarlo": conclude Karbalevitch.

Intanto sono in corso manovre militari congiunte Zapad-2021 e nuovi cacciabombardieri Sukhoi Su-30 sono stati donati a Minsk.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti al confine polacco, tafferugli; un giovane trovato morto

Nuova ondata di arresti in Bielorussia, almeno 20 persone in carcere

Ucraina, dove vanno i disertori russi: in Kazakhstan, ma senza una nuova vita