ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La testimonianza di un ex malato di Covid: "Vaccinateci. Io sono stato in coma"

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
La testimonianza di un ex malato di Covid: "Vaccinateci. Io sono stato in coma"
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Ogni giorno viene in questo parco a Lione a camminare. E’ la sua fisioterapia. Percorre qualche chilometro aiutato da un deambulatore. Philippe H, come ha deciso di farsi chiamare per non farsi riconoscere, è stato colpito ad aprile dal Covid-19 in forma molto grave. Ora soffre di diabete, ipertensione, insufficienza renale e allucinazioni.

L’uomo, ex consulente di marketing, ha deciso di raccontarci il suo calvario. "Quando sono arrivato in ospedale, sono stato subito intubato. Sono rimasto in coma per nove giorni. Di quei giorni non ricordo nulla. Il mio primo ricordo, che è stato estremamente violento, è stato risvegliarsi in una stanza del reparto di terapia intensiva. E lì, quando ci si sveglia, ci si ritrova con un tubo in gola. Abbiamo i polsi attaccati alle sponde del letto per evitare che questo tubo si strappi, il che sarebbe drammatico".

"Quando sono arrivato in ospedale, sono stato subito intubato. Sono rimasto in coma per nove giorni. Mi sono risvegliato in terapia intensiva con un tubo in gola. Un ricordo violentissimo."
Philippe H.
Ex malato di Covid-19

La sua testimonianza è un messaggio a vaccinarsi per evitare anche di morire di Covid. "Sappiamo che il vaccino riduce fortemente il rischio di passare quello che ho passato io. Spesso mi dico che se fossi stato vaccinato, forse non avrei avuto tutti questi problemi. Francamente non capisco perché c’è chi non si mette in fila già alle sette del mattino per farsi immunizzare. Lo dovrebbero fare tutti. Si tratta di ricevere due dosi con effetti collaterali lievi e gli effetti collaterali gravi sono estremamente rari".

Le conseguenze del Covid-19 specie per chi è stato ricoverato, non sono solo fisiche, ovvero danni a polmoni, cuore, fegato. Il virus lascia segni anche a livello psicologico, dicono gli effetti. Ansia, insonnia, depressione, attacchi di panico e allucinazioni.

Vaccini: i benefici superano i rischi

Secondo le statistiche sul vaccino dell'Istituto Superiore di Sanità, questo se somministrato in modo completo (quindi dopo 2 dosi, se richiesto dal tipo di vaccino):

  • riduce le diagnosi di Covid-19 di oltre l’88%
  • riduce le ospedalizzazioni del 94%
  • riduce gli ingressi in terapia intensiva del 97%
  • riduce i decessi del 96%