Kabul, la tattica spagnola per l'evacuazione: gridare "España" ed esibire un indumento rosso

Si intravede un indumento rosso all'entrata dell'aeroporto di Kabul durante le operazioni di evacuazione.
Si intravede un indumento rosso all'entrata dell'aeroporto di Kabul durante le operazioni di evacuazione. Diritti d'autore Aviazione spagnola
Di Cristiano TassinariEuronews España
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Continua l'evacuazione dall'Afghanistan da parte di tutti i paesi europei, per i loro concittadini e per gli afghani che hanno collaborato in tutti questi anni con le ambasciate e le forze armate. Tra i paesi più intraprendenti c'è la Spagna, che continua a garantire voli Kabul-Madrid

PUBBLICITÀ

In mezzo al caos dell'aeroporto di Kabul, si passa con...il rosso.

Almeno per essere salvati dal contigente spagnolo.

Gli afghani che hanno collaborato negli anni con la Spagna, in attesa fuori dall'aeroporto, al richiamo dei militari, debbono gridare "España" ad alta voce ed esibire proprio un indumento rosso (una sciarpa, ad esempio): è il loro lasciapassare per il prossimo volo, con destinazione Madrid.

La porta d'ingresso all'aeroporto si apre e la salvezza è dietro l'angolo.

Nel gruppo salvato questa notte, protetto dalle forze spagnole, c'era anche un bambino svenuto, subito trasportato sull'aereo.

I "Los Boinas Verdes" (i berretti verdi) spagnoli continuano ininterrottamente a radunare gli afghani che lasceranno il paese, arrivati all'aeroporto dopo aver superato i posti di blocco talebani in centro a Kabul e aver atteso per ore la chiamata dai militari spagnoli.

Wali Sabawoon/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
I soldati americani controllano l'accesso all'aeroporto di Kabul.Wali Sabawoon/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

Alle forze spagnole aeree e di terra si sono aggiunti 110 militari, tra cui i berretti verdi e 17 ufficiali del gruppo per le operazioni speciali e dell'Unità di intervento della polizia.
Sono coinvolti in un'evacuazione che è sempre più ostacolata dalle forze talebane.

Temono, infatti, che neppure la scadenza del 31 agosto sarà rispettata.

Jalaluddin Sekandar/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Si combatte ancora nel Panjshir, unica regione dell'Afghanistan non ancora sotto il controllo dei Talebani..Jalaluddin Sekandar/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Afghanistan, la resistenza anti-talebana e la paura dei civili

Afghanistan: sopravvivono in quattro allo schianto dell'aereo

Nuovo terremoto colpisce l'Afghanistan. Danni alle strutture ma non ci sono vittime