ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Visita della Cancelliera Merkel a Mosca: "Liberate Navalny"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Visita della Cancelliera Merkel a Mosca: "Liberate Navalny"
Diritti d'autore  Press conference in Moscow, 20th August 2021.
Dimensioni di testo Aa Aa

Una visita d'addio ma anche d'affari: l'ultimo viaggio istituzionale della Cancelliera Angela Merkel, pronta a cedere il testimone, è a Mosca. Relazioni tese, è vero, ma la Germania resta uno dei principali partner russi, uno dei pochi ad avere fatto quadrato, ad esempio, attorno al gasdotto russo-tedesco. Ma le divergenze sono tante

"Naturalmente abbiamo parlato della difficile situazione di Alexei Navalny - ha dichiarato la Cancelliera - Partiamo dal fatto che la decisione del tribunale sulla sua detenzione in una colonia penale è stata presa sulla base di una sentenza che la Corte europea dei diritti umani ha definito arbitraria e sproporzionata. Questo è inaccettabile per noi".

Ho chiesto di nuovo al presidente russo di rilasciare Alexei Navalny e ho anche chiarito che monitoreremo attentamente questo caso
Angela Merkel
Cancelliera tedesca

L'incontro è avvenuto proprio nel giorno dell'anniversario dell'attacco con il gas nervino contro Alexei Navalny, curato poi a Berlino.
Per Vladimir Putin il leader dell'opposizione ha reso strumentale la battaglia anticorruzione, portata avanti dalla sua associazione.

"La lotta contro la corruzione è una cosa molto importante ma non dovrebbe essere usata come strumento politico - ha rilanciato il presidente russo - Faremo di tutto perché la situazione in Russia sia stabile e affidabile".

Non vogliamo più rivoluzioni, vogliamo un processo evolutivo della nostra società e del nostro Stato. Spero che sia così
Vladimir Putin
presidente russo

Putin ha ribadito la sua verità, e cioè che Alexei Navalny "non è stato condannato" per la sua attività politica ma per aver violato i termini della pena condizionale inflittagli per frode nel caso Yves Rocher. La denuncia presentata dall'allora direttore del brand francese in Russia parlava di irregolarità nelle tariffe applicate per le spedizioni di prodotti da parte della società dei Navalny.