ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Formula 1, cancellato il GP del Giappone causa Covid-19

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Cancellato GP Giappone
Cancellato GP Giappone   -   Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Covid-19 colpisce ancora il mondo dei motori e quello della Formula 1. Dopo la cancellazione di Australia, Cina e Singapore, a saltare è anche il GP del Giappone in programma nel weekend dell'8-10 ottobre sul circuito di Suzuka.

Una decisione che arriva dopo lunghe discussioni con gli organizzatori e le autorità giapponesi. Nel comunicato ufficiale di Liberty Media e F1 si legge che la pandemia ha costretto il governo di Tokyo a cancellare l'evento per il secondo anno consecutivo. “La Formula 1 ha dato prova in questa stagione e nel 2020 che si può adattare e trovare soluzioni di fronte alle incertezze ed è entusiasta del livello di interesse mostrato dalle diverse sedi per ospitare eventi del campionato in questo e nei prossimi anni.”

La situazione sanitaria del paese, secondo le autorità locali, è ancora troppo grave e precaria per mettere a rischio anche la salute dei piloti e di tutto il paddock.

La delusione e la paura

La Formula 1 sta lavorando sui dettagli del calendario rivisto e annuncerà i dettagli finali nelle prossime settimane per sostituire con nuovi Gran Premi gli appuntamenti cancellati. Niente Giappone mentre resta regolarmente in calendario il GP di Turchia in programma per il fine settimana del 3 ottobre.

Grande delusione in casa Honda che non vedrà nemmeno quest'anno la gara nel tracciato di casa: "Sfortunatamente per il secondo anno consecutivo non sarà possibile disputare il GP del Giappone a Suzuka - si legge nella nota pubblicata dalla Honda-. Come Honda, siamo particolarmente dispiaciuti, perché questo è l’ultimo anno del nostro progetto di F1 e tanti tifosi non vedevano l’ora di prendere parte all’evento".

Dopo le Olimpiadi i contagi sono saliti notevolmente nel Paese del Sol Levante. Nella giornata di martedì si contavano quasi 20mila nuovi positivi con un record di infezioni in 18 prefetture.

Risorse addizionali per questo articolo • ANSA