Il vaccino contro la tubercolosi compie 100 anni. Forse una protezione anche contro il Covid

Il vaccino contro la tubercolosi compie 100 anni. Forse una protezione anche contro il Covid
Diritti d'autore AP/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di Debora Gandini Agenzie:  ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il vaccino contro la TBC fu somministrato per la prima volta 100 anni fa a Parigi. La malattia continua a fare morti. Servono più fondi per la ricerca

PUBBLICITÀ

Sono passati 100 anni da quando il vaccino contro la tubercolosi fu stato somministrato per la prima volta ai neonati. Era il 18 luglio del 1921. Da allora ha salvato la vita a decine di milioni di persone.  

Il vaccino BCG è costituito da un ceppo vivo attenuato, per cui il primo limite è l’impossibilità di utilizzo nei lattanti con HIV, in cui può replicare e determinare malattia. Il secondo limite è la variabilità della sua efficacia protettiva, un po’ più alta nei bambini (intorno al 50%) rispetto agli adulti. Sebbene siano in corso test per migliorarlo, le risorse messe in campo sono decisamente minori rispetto a quelle per il Covid-19. Eppure la tubercolosi uccide anche oltre un milione di persone all'anno

"Nel 2019 abbiamo avuto quasi 1 milione e mezzo di persone stroncate dalla tubercolosi”. ci spiega la Dottoressa Lucica Ditiu, Direttore Esecutivo dell’Organizzazione Stop TB. “Stimiamo che nel 2020 la malattia fatto lo stesso numero di morti del Covid a livello globale. Quello che è successo è che, a causa del coronavirus , i fondi limitati che sono stati stanziati per la lotta alla TBC, così come le sperimentazioni cliniche in corso per un vaccino migliore, ora sono diminuiti. Sono state ridotti o tagliati.” 

Dal vaccino BCG alla lotta al Covid

Intanto un vaccino contro la tubercolosi sta dimostrando, in una sperimentazione in Australia, di prevenire con efficacia l'infezione da Covid-19 in topi di laboratorio, aprendo la strada verso un nuovo prodotto. La ricerca dell'Università di Sydney mostra che nei topi immunizzati con il vaccino, la presenza del virus o di un'infiammazione nei polmoni era quasi non misurabile dopo l'esposizione al Covid-19, anche della variante Beta che ha un certo livello di evasione dagli anticorpi.

Il vaccino della tubercolosi ha dimostrato in sperimentazioni di dare protezione contro una gamma di virus respiratori che colpiscono i bambini.  

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, farmacie sospettate di rivendere il farmaco anti-Covid in Russia e Ucraina

Rishi Sunak si scusa con le famiglie delle vittime del Covid-19 davanti alla commissione d'inchiesta

I Nobel di quest'anno premiati in Svezia. Sedia vuota a Oslo per Narges Mohammadi