ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cannes 2021, un'edizione da ricordare tra star, gaffe e voglia di ricominciare

euronews_icons_loading
Festival di Cannes 2021
Festival di Cannes 2021   -   Diritti d'autore  euronews
Di Debora Gandini
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Festival di Cannes 2021 sarà ricordato a lungo. Un’edizione che resterà impressa nella memoria tra tamponi, distanziamento e protocolli sanitari. Sulla Croisette tante star internazionali e le grandi firme del cinema italiano come Nanni Moretti e Marco Bellocchio, Palma d’oro alla carriera.

Un festival pieno di emozioni e con qualche gaffe come quella del presidente di giuria Spike Lee che annuncia in anticipo il vincitore della Palma D’Oro, ovvero “Titane”. Per la regista Julia Ducournau questo film rappresenta una sorta di ampliamento di vedute del panorama cinematografico. "Titane" è un thriller a tratti un po’ horror decisamente particolare, che ha diviso il pubblico ma non la giuria.

In 74 edizioni, è la seconda volta che una regista donna conquista la Palma d’oro, 23 anni dopo la neozelandese Jane Campion e il suo “Lezioni di piano”.

"Non ho mai visto una pellicola come questa in tutta la mia vita, ha detto Spike Lee. Ho visto molti film, ma questo mi ha fatto impazzire per quel mix di genialità e follia che c’è nella trama.” Titane ha messo d’accordo tutti. E alla fine, come fanno notare altri membri della giuria, non è stato premiato perché la regista è donna. Quando è stato proiettato nessuno sapeva nulla.

Stravaganza e voglia di osare

Un’edizione eclettica, stravagante, multiculturale. Sotto i riflettori di Cannes pellicole provenienti da paesi come Iran, Israele, Giappone, Colombia, Australia o Finlandia. Tra questi "Compartment 6" una coproduzione di diversi paesi europei insieme alla Russia. Il film di Juho Kuosmanen si è aggiudicato il Gran Premio della Giuria ex-equo con il regista iraniano Asghar Farhadi per "A Hero."

Asghar Farhadi ci mostra invece un lato dell’Iran poco conosciuto. Lontano dai soliti cliché, attraverso la storia avvincente di un uomo che, suo malgrado e per sua sfortuna, viene considerato da tutti un eroe. Mai arrendersi. Nemmeno in tempi di crisi. E il mondo del cinema l’ha dimostrato ampiamente.