ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'estrema destra si confedera all'Europarlamento: "riformeremo l'Europa"

Access to the comments Commenti
Di Antonio Michele Storto  & Euronews
euronews_icons_loading
L'estrema destra si confedera all'Europarlamento: "riformeremo l'Europa"
Diritti d'autore  Luca Bruno/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

C'è anche Matteo Salvini nel cartello politico appena formato dall'estrema destra europea.

Una quindicina di leader di altrettanti partiti - tra i quali Marine LePen, Viktor Orban, Giorgia Meloni e Santiago Abascal di Vox - hanno deciso oggi di confederarsi creando un nuovo soggetto politico all'europarlamento

Un "raggruppamento di patrioti" l'ha definito in un tweet Le Pen.

"Un gruppo - si legge nella dichiarazione congiunta pubblicata questo mercoledì - che si opponga al globalismo, alla distruzione delle tradizioni e dei principi morali europei, e alla creazione di un super stato europeo"

"In un momento in cui i globalisti e gli europeisti, di cui Emmanuel Macron è il principale rappresentante in Francia, lanciano la Conferenza sul futuro dell'Europa, che mira ad aumentare il potere degli organismi europei, l'accordo di oggi è la prima pietra verso la costituzione di una grande alleanza nel Parlamento europeo", hanno scritto i firmatari.

Nuovo raggruppamento?

Tutti i partiti coinvolti, al momento, fanno parte di due diversi gruppi all'europarlamento: per Salvini e Le Pen si tratta di Identità e Democrazia mentre in Conservatori Riformissti confluiscono attualmente Vox, Fratelli d'Italia e il polacco Diritti e Giustizia.

Dal PPE, com'è ormai ampiamente noto, Fidesz, il partito guidato da Orban, ha divorziato ormai da mezo ed è da allora in cerca di nuovi partner.

Ora, non è escluso che tutti possano confluire in un nuovo mega-contenitore dell'estrema destra europea; anche se, in una dichiarazione a margine, Marine Le Pen, che terrà il suo congresso sabato e domenica, ha affermato che il documento è la "base per un lavoro culturale e politico comune, rispettando il ruolo dei gruppi politici attuali".

La firma del documento ha portato allo scontro a Roma, tra il leader del Carroccio e quello del Partito Democratico. Enrico Letta ha così commentato: "Non si può stare allo stesso tempo con l’europeismo e con Orban. Non si può essere sostenitori insieme di Draghi e di Orban. Semplicemente, non si può. L’alleanza dei sovranisti di Salvini e Meloni ha due primi ministri, Orban e Morawiecki. Sono gli unici due che l’anno scorso hanno messo il veto a Next Generation EU e al Recovery Plan che salva l’Italia. Solo la determinazione degli altri 25 li ha poi battuti".