Unione europea-Svizzera, niente intesa

Unione europea-Svizzera, niente intesa
Diritti d'autore -Symbolbild- Pixabay
Diritti d'autore -Symbolbild- Pixabay
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Berna sospende i colloqui per un accordo globale bilaterale. Bruxelles: "Perdita di opportunità per gli imprenditori svizzeri"

PUBBLICITÀ

Il Consiglio federale svizzero ha deciso di sospendere i colloqui con l'Unione europea in vista di un accordo quadro istituzionale tra Berna e Bruxelles, affermando di non poter rispettare le richieste in materia di immigrazione e armonizzazione di stipendi e salari.

Uno stop che secondo Eric Mamer, portavoce della Commissione europea, causerà un divario crescente tra la Svizzera e l'Unione, i cui rapporti attualmente sono regolati da un accordo commerciale vecchio di quasi 50 anni. "Un accordo che non potrà evolvere, casuando perdita di opportunità per gli operatori svizzeri".

In Svizzera le ripercussioni alla decisione del Consiglio federale sono diverse. Divisi sulla stampa i commentatori, tra chi giudica la scelta una "giusta decisione" e chi la bolla come un "immenso spreco di tempo e di risorse". Alcuni, come il quotidiano Le Temps, colgono l'occasione per una critica più di fondo: "La Svizzera non ha mai parlato con una voce sola e subisce una netta mancanza di una leadership", ha scritto il giornale.

"I punti critici erano stati sollevati negli ultimi due anni, in materia di salari, di aiuti di stato e di immigrazione. Ieri il ministro degli Esteri svizzero ha detto che si firmasse un accordo questo permetterebbe ai titolari di un passaporto europeo di viaggiare liberamente in Svizzera e usufruire dello stato sociale. Questo comporterebbe un cambio di paradigma delle politiche sull'immigrazione, e questo è qualcosa che nel paese non pare facile da accettare".

Dopo aver preso atto della decisione svizzera, Bruxelles afferma che non si possono fare previsioni su una eventuale ripresa dei colloqui. La Commissione europea ribadisce di essere interessata a una intesa globale che regoli l'inisieme delle relazioni con la Svizzera, e conferma di voler mantere ferma questa prospettiva.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ue chiede il rilascio di un suo dipendente svedese detenuto in Iran da due anni

Attacco dell'Iran, G7: “Sostegno a Israele, evitare escalation in Medio Oriente"

Moldova, timori per le influenze della Russia su presidenziali e referendum Ue