ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Verdetto positivo per Amazon

Di Euronews
euronews_icons_loading
European Court of Justice
European Court of Justice   -   Diritti d'autore  JOHN THYS/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Il tribunale generale dell'UE ha stabilito che Amazon non ha beneficiato di vantaggi fiscali illegali in Lussemburgo.

Il caso è iniziato nel 2017, quando la Commissione ha ordinato al Lussemburgo di recuperare 250 milioni di euro di tasse non pagate dal gigante dell'e-comme rce. Bruxelles ha affermato che Amazon ha evitato di pagare le tasse su tre quarti dei suoi profitti dell'UE gonfiando le royalties trasferite da un'entità aziendale all'altra. Un accordo di cui altre società registrate in Lussemburgo non hanno beneficiato.

Tuttavia, i giudici hanno sostenuto che la commissione non è riuscita a dimostrare che questa struttura fiscale fosse incompatibile con le norme del mercato interno sugli aiuti di Stato.

Spiega Geert Van Calster, professore di diritto dell'UE presso KULeuven: "La commissione deve dimostrare che in qualche modo le autorità fiscali nazionali impegnate in quel fascicolo, si sono discostate da quelli che sarebbero i principi standard della legislazione fiscale nazionale, dalle regole generali, che hanno utilizzato il margine di manovra nella loro misura fiscale nazionale in modo tale da conferire un vantaggio specifico a una determinata impresa. E questo è un fatto piuttosto arduo da dimostrare".

La decisione di Amazon è un duro colpo per la Commissione europea in un momento in cui sta cercando di applicare regole di concorrenza più severe, soprattutto contro le aziende tecnologiche.

La responsabile per la concorrenza nell'Unione Europea, Margrethe Vestager, ha reagito alla sentenza, affermando che i vantaggi fiscali per società specifiche privano i cittadini dell'UE del denaro di cui hanno disperatamente bisogno per affrontare la ripresa della pandemia.

La rete di giustizia fiscale stima lo spostamento degli utili delle multinazionali ad almeno 245 miliardi di dollari all'anno, ma la sentenza su Amazon evidenzia la necessità di una riforma fiscale globale.

Dice Alex Cobham, amministratore delegato del Tax Justice Network: "Amazon realizza 44 miliardi di euro di vendite nell'UE, versandoli per la maggior parte in Lussemburgo, dove non paga tasse. In effetti, ottiene effettivamente un credito d'imposta. Questa sentenza riguarda 250 milioni di euro di tasse. Non è davvero importante nel grande schema delle cose. Abbiamo bisogno di una riforma globale delle norme fiscali internazionali per non giocherellare con le decisioni sugli aiuti di Stato. Quella di oggi è una conferma".

Sono attualmente in corso discussioni presso l'OCSE per colmare le scappatoie fiscali tra gli Stati membri dell'organizzazione e armonizzare le tasse sulle grandi società.