ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bracciante ucciso: l'imputato condannato a 22 anni

Assassinato mentre raccoglieva lamiere in fabbrica dismessa
Assassinato mentre raccoglieva lamiere in fabbrica dismessa
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – CATANZARO, 11 NOV – I giudici della Corte d’assise
di Catanzaro hanno condannato a 22 anni di reclusione per
omicidio volontario Antonio Pontoriero, accusato di avere ucciso
a colpi di fucile, il 2 giugno 2018, il sindacalista dell’Usb e
bracciante di origine maliana Soumayla Sacko. Il ragazzo, di 29 anni, insieme a un amico, si era recato
nella fabbrica dismessa di località “Tranquilla”, a San
Calogero, piccolo centro del Vibonese, per recuperare lamiere in
ferro utili a costruire un riparo di fortuna nella baraccopoli,
poi sgomberata, di San Ferdinando (Reggio Calabria) dove viveva. Per l’accusa, il movente dell’omicidio è da ricercare
nell’incapacità, da parte di Pontoriero, di sopportare
l’ennesima irruzione nell’area dell’ex Fornace che considerava
sua. Omicidio volontario, detenzione e porto illegale di armi da
fuoco e munizioni i reati contestati. La salma di Soumayla Sacko
- padre di una bimba di 5 anni – fu trasportata suo villaggio
del Mali per essere sepolto. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.