ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Fondo ONU per la popolazione, Londra taglia aiuti di un "devastante" 85%

Una donna tiene un pacchetto di contraccettivi ad Harare, 9 aprile 2020,
Una donna tiene un pacchetto di contraccettivi ad Harare, 9 aprile 2020,   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Un taglio "devastante".

Così, ilFondo per la Popolazione delle Nazioni Unite (UNFPA) ha definito la riduzione di fondi, pari all'85%, appena operata dal Regno Unito.

Tradizionalmente il maggior contribuente dell'UNFPA, Londra donerà quest'anno 23 milioni di sterline (26,5 milioni di euro) rispetto a un impegno previsto di 154 milioni.

L'agenzia delle Nazioni Unite mira a migliorare la salute riproduttiva e materna in tutto il mondo, fornendo accesso a contraccettivi, forniture per gravidanze e aborti sicuri e formazione per gli operatori sanitari.

In una dichiarazione l'organismo ha sottolineato come il "ritiro del Regno Unito dagli impegni concordati presi per il programma nel 2020" sarà "devastante per le donne e le ragazze e le loro famiglie in tutto il mondo".

"Con i 130 milioni di sterline (pari a 149,5 milioni di euro) ora ritirati - sottolinea l'agenzia - il partenariato UNFPA Supplies avrebbe aiutato a prevenire circa 250.000 morti materne e infantili, 14,6 milioni di gravidanze indesiderate e 4,3 milioni di aborti non sicuri".

A novembre, il governo del premier britannico Boris Johnson aveva già suscitato indignazione all'interno dei suoi stessi ranghi e tra le associazioni di beneficenza, quando abbandonò il suo obiettivo di spendere lo 0,7% del reddito nazionale in aiuti esteri, ridimensionando la quota allo 0,5%.

Ci si aspettava che la mossa tagliasse i fondi per gli aiuti esteri di quasi un terzo e liberasse circa 4 miliardi di sterline (4,6 miliardi di euro). Il governo ha sostenuto che il taglio era necessario a causa dell'"emergenza fiscale interna" innescata dalla pandemia di coronavirus.

L'UNFPA ha detto nella sua dichiarazione che "riconosce la difficile situazione in cui si trovano molti governi donatori, ma si rammarica profondamente della decisione del nostro partner di lunga data e sostenitore di abbandonare i suoi impegni in un momento in cui le disuguaglianze si stanno esacerbando e la solidarietà internazionale è più che mai necessaria".

"La verità è che quando i finanziamenti si fermano, le donne e le ragazze soffrono, specialmente i poveri, coloro che vivono in comunità remote e poco servite e quanti vivono in prima persona le crisi umanitarie", ha proseguito.

Euronews ha contattato il Foreign, Commonwealth and Development Office (FCDO) del Regno Unito per una dichiarazione.

Secondo i dati dell'UNFPA, Londra ha contribuito con 215 milioni di dollari (177,3 milioni di euro) all'agenzia nel 2019.

Gli altri paesi nella top 10 dei donatori erano Svezia (118 milioni di euro), Canada (88,6 euro), Danimarca (75,8 euro), Paesi Bassi (73 milioni di euro), Norvegia (70,3 milioni di euro), Germania (37,3 milioni di euro), Commissione europea (35,5 milioni di euro), Giappone (25,8 milioni di euro) e Svizzera (24,8 milioni di euro).