ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Russia passa al contrattacco: espulsi dieci alti funzionari statunitensi

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Yuri Kochetkov/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

La Russia risponde per le rime alle sanzioni imposte da Joe Biden, espellendo dieci alti funzionari statunitensi ed invitando l'Ambasciatore americano, John Sullivan, a tornare in patria per "consultazioni serie e dettagliate".

I diplomatici, ora, non possono più entrare nel Paese: nella lista nera, tra gli altri, la direttrice della CIA (Avril Haines), il direttore dell'FBI (Christopher Wray), il ministro della Sicurezza interna (Alejandro Mayorkas) e quello della Giustizia (Merrick Garland).

"La situazione è complessa - dice il ministro degli Esteri russo, Lavrov - ecco perché il primo assistente per la politica estera del presidente Putin (Yury Ushakov) ha raccomandato all'Ambasciatore Sullivan di partire per Washington per condurre consultazioni".

Andrew Harnik/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoAndrew Harnik/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

La Russia, manco a dirlo, nega di aver interferito nelle presidenziali per favorire Trump e di essere coinvolta negli atti di pirateria informatica perpetrata ai danni delle agenzie federali statunitensi.

Il contrattacco di Mosca fa seguito a quanto annunciato da Joe Biden, che 24 ore prima aveva decretato l'espulsione di dieci diplomatici russi dagli Stati Uniti, prendendo di mira svariate aziende e mettendo in atto una serie di misure che impediscono, di fatto, a Mosca di finaziarsi sui mercati internazionali.