EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Una coalizione globale per la salute

Images
Images Diritti d'autore Afptv
Diritti d'autore Afptv
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Alcuni leader mondiali pensano alla prossima pandemia e auspicano una coalizione per far fronte.

PUBBLICITÀ

Quando il Covid ha invaso il mondo, una delle prime vittime è stata la nozione di cooperazione globale. Senza un accordo preesistente su una risposta alla pandemia, i paesi hanno gareggiato piuttosto che cooperare sulle forniture essenziali e hanno chiuso i loro confini.

Ora dei leader mondiali, tra cui Angela Merkel, Emmanuel Macron e Boris Johnson, chiedono un trattato internazionale per prepararsi a future crisi sanitaria globale simili.

Pubblicato sui principali giornali il documento afferma che: "Nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro", descrivendo il Covid come la più grande sfida dagli anni Quaranta ". Chiedono maggiore responsabilità, responsabilità e cooperazione".

Il testo suggerisce che il trattato sarebbe basato sulla costituzione dell'OMS. Il segretario dell'agenzia si è unito al presidente del consiglio europeo per rafforzare la chiamata.

Direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus:  "Il momento di agire è adesso. Il mondo non può permettersi di aspettare che la pandemia sia finita per iniziare a pianificare la prossima. Non dobbiamo permettere che i ricordi di questa crisi svaniscano e tornino come al solito".

Charles Michel, Presidente Consiglio Europeo: "Nessun paese, nessun continente può sconfiggere una pandemia da solo. Richiede un approccio globale, il "noi" piuttosto che "io" e un impegno collettivo al più alto livello politico. La prossima pandemia non è questione di se ma quando. "

L'appello è forte sul linguaggio emotivo ma leggero su un dettaglio, come ad esempio su come garantire la parità di accesso ai vaccini. La prova sono i problemi interni all'Unione Europea per far decollare un programma di vaccinazione efficace tra 27 nazioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"L'oceano non è solo vasto, è sottoutilizzato"

Brasile, Bolsonaro accusato di aver falsificato le certificazioni Covid

Salute: una persona su otto convive con l'obesità