ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Libia: giura il premier del governo transitorio Abdul Hamid Dbeibah

euronews_icons_loading
Il nuovo premier libico Abdul Hamid Dbeibah si rivolge al parlamento, alla vigilia del voto di fiducia a Sirte, Libia, martedì 9 marzo 2021
Il nuovo premier libico Abdul Hamid Dbeibah si rivolge al parlamento, alla vigilia del voto di fiducia a Sirte, Libia, martedì 9 marzo 2021   -   Diritti d'autore  AP Photo/Hakim al-Yamani
Dimensioni di testo Aa Aa

Ha prestato giuramento davanti al parlamento di Tobruk il premier libico del governo transitorio, Abdul Hamid Dbeibah, che ha il compito di portare la Libia verso le elezioni, in programma il prossimo 24 dicembre. Il Primo Ministro ha giurato in una cerimonia trasmessa anche in streaming, più di un mese dopo essere stato nominato.

Il giuramento è stato seguito da un discorso del presidente del parlamento, Aqila Saleh, che ha esortato a voltare pagina, dopo anni di guerra e divisioni. Saleh ha poi sollecitato interventi per il ritiro dal Paese di combattenti stranieri e mercenari: "Chiedo al governo di lavorare per unificare le istituzioni e soddisfare i bisogni dei cittadini, di cacciare dalla Libia le forze straniere e i mercenari e sostenere il processo di elezioni presidenziali e parlamentari", ha detto nel suo discorso in aula.

Dopo anni di stallo in un Paese diviso in due, il 61enne Dbeibah è stato nominato Primo Ministro ad interim il 5 febbraio scorso, da 75 funzionari libici di entrambe le parti, riuniti a Ginevra sotto gli auspici delle Nazioni Unite.

Il nuovo governo di unità nazionale ha passato la prova di uno storico voto di fiducia mercoledì e sostituisce sia il governo di unità nazionale (GNA) di Fayez al-Sarraj, che era al potere dal 2016 nell'ovest del Paese e riconosciuto dall'ONU, sia il gabinetto parallelo di Abdallah al-Theni - non riconosciuto dalla comunità internazionale - e con base in Cirenaica, la regione controllata de facto dalle forze del maresciallo Khalifa Haftar.

Il nuovo esecutivo ha il compito di unificare le istituzioni libiche e garantire la transizione fino alle elezioni di dicembre, quando la sua missione dovrebbe giungere al termine.